4 aprile 2016 ore: 17:00
Disabilità

Milano, sbloccato il 30% dei fondi per l'inserimento lavorativo dei disabili

Per mancanza di personale, da febbraio circa 600 mila euro del Piano per l'inserimento lavorativo delle persone con disabilità erano bloccati. Grazie alle pressioni su Regione e Città metropolitana di Milano da parte delle associazioni, un terzo dei fondi potrà ora essere utilizzato
Monete in bilico, euro, fondi

MILANO - Ci sono voluti quasi due mesi, ma finalmente sono stati sbloccati i fondi per favorire l'inserimento lavorativo delle persone con disabilità nella città metropolitana di Milano. Nel febbraio scorso, la Lega per i diritti delle persone con disabilità (Ledha) aveva denunciato la situazione paradossale che si era creata negli uffici che devono gestire il "Piano Emergo": per una volta i fondi, circa 600mila euro, c'erano, ma mancava il personale per gestire le pratiche. E così 1.300 disabili, in grado di lavorare, non potevano trovare un posto perché mancava chi potesse occuparsi delle loro domande. Oggi la Ledha comunica che, grazie ai colloqui con Regione e Città metropolitana, "è stato possibile sbloccare una prima quota delle risorse messe a disposizione dal bando (il 30%) che potranno essere utilizzate in tempi brevi dai centri per l'impiego".  “Questo era l'obiettivo minimo da raggiungere. Ce l'abbiamo fatta e siamo contenti che l'impegno di Ledha abbia permesso di ottenere questo primo risultato - commenta Alberto Fontana, presidente dell'associazione -. Adesso però occorre che le istituzioni si attivino per fare in modo che il totale delle risorse a disposizione per l'inserimento lavorativo delle persone con disabilità sia disponibile nel più breve tempo possibile”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news