16 novembre 2017 ore: 14:45
Famiglia

Minori, il Garante per l'infanzia: le istituzioni promuovano ascolto e partecipazione

Roma - "Le istituzioni devono andare verso i ragazzi, attraverso un processo proficuo di ascolto e partecipazione". Lo chiede Filomena Albano, garante nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza, al convegno 'Progettare politiche per l'infanzia...

ROMA - "Le istituzioni devono andare verso i ragazzi, attraverso un processo proficuo di ascolto e partecipazione". Lo chiede Filomena Albano, garante nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza, al convegno 'Progettare politiche per l'infanzia e l'adolescenza: un paese a misura di bambino' questa mattina aRoma.

"L'ascolto deve essere assicurato in tutti gli ambienti di vita del minorenne, soprattutto laddove si manifestano situazioni di maggiore fragilita' e vulnerabilita'- continua Albano- e deve essere realizzato secondo forme che tengano conto del loro grado di maturita' e della natura dei problemi da affrontare".

A tal fine, l'Autorita' garante per l'infanzia e l'adolescenza e' "impegnata direttamente nella visita ai centri di accoglienza dei ragazzi migranti giunti nel nostro paese senza adulti di riferimento o agli istituti penali minorili, proprio per garantire loro ascolto personalizzato e partecipazione. L'esercizio concreto di questo diritto- sottolinea la garante nazionale- diventa infatti lo strumento attraverso il quale i ragazzi hanno la possibilita' di 'partecipare' alle decisioni prese a tutela dei loro diritti, ma anche all'elaborazione delle decisioni politiche e amministrative che li riguardano". 

L'ascolto e la partecipazione sono "due facce della stessa medaglia e rappresentano un elemento costitutivo della democrazia. Una forma di cittadinanza attiva, democratica, che parte dal basso e attraverso l'ascolto da parte di chi puo' decidere- conclude- consente di produrre un cambiamento, seppur attraverso un procedimento mediato ed indiretto". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale