/ Welfare
17 ottobre 2013 ore: 18:54
Immigrazione

Minori stranieri non accompagnati, famiglie italiane pronte ad accoglierli

Al 7 ottobre 2013 sono 6297 i minori arrivati sulle coste italiane a bordo delle cosiddette “carrette del mare”. Di questi 4056 sono Misna, minori stranieri non accompagnati. Sono 118 le famiglie che hanno aderito al progetto “Bambini in alto mare”, promosso dall’Ai.Bi. dichiarandosi pronte ad ospitare
Bambini somali, immigrazione, minori non accompagnati

ROMA - Al 7 ottobre 2013 sono 6297 i minori arrivati sulle coste italiane a bordo delle cosiddette “carrette del mare”. Di questi 4056 sono Misna, minori stranieri non accompagnati. A questo dato significativo, diffuso dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza, se ne aggiunge un altro altrettanto importante, quello delle 118 famiglie che hanno aderito al progetto “Bambini in alto mare”, promosso dall’associazione Ai.Bi., Amici dei Bambini, dichiarandosi pronte ad ospitare un bambino straniero.

Ne dà notizia Marco Griffini, presidente dell’associazione, il quale si domanda come sia possibile che, a fronte di tante famiglie disponibili ad accogliere i minori, sia ancora così difficile sottrarli alla permanenza nei centri di accoglienza. “Non è certo la generosità della gente comune quella che manca – spiega Griffino. Perché allora non si riesce a togliere i minori immediatamente da strutture provvisorie, centri di prima accoglienza e comunità educative? Siamo di fronte a uno spreco di tempo e di risorse inaudito, sulla pelle dei bambini”.

“Il progetto Bambini in alto mare ha messo in luce la generosità e la pronta capacità di reazione alle emergenze di tanti italiani”, continua il presidente. Tra le regioni più generose spiccano la Lombardia (18,26%) e la Sicilia (16,52%), seguite da Lazio ed Emilia Romagna. Milano e Palermo le città più accoglienti.

Quello che manca è una “cabina di regia” che sia in grado di dare strumenti ed indicazioni chiare su come procedere per dare una risposta concreta sia alla generosità delle famiglie sia ai bisogni dei tanti minori non accompagnati. Una necessità tanto più stringente se si pensa che il fenomeno degli sbarchi sulle nostre coste è in continuo aumento. Come ha ricordato il parroco di Lampedusa, Stefano Nastasi,  “sta cambiando il fenomeno migratorio. Arrivano sempre più bambini. E dalla Siria sbarcheranno ancora più famiglie con minori”. 

© Copyright Redattore Sociale