7 giugno 2013 ore: 13:47
Non profit

Musica e poesia per sostenere le donne malate di tumore che vogliono diventare madri

L’evento si intitola "Gemme rock" e si svolgerà questa sera a Roma per aiutare l’associazione creata dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, che aiuta le donne ad affrontare la terapia oncologica con la prospettiva di conservare la fertilità
ROMA - Una serata all’insegna della musica, l’arte e la poesia per sostenere “Gemme dormienti”, l’associazione a sostegno delle donne che devono affrontare un percorso di cura oncologica a preservare la propria capacità riproduttiva. Si svolgerà questa sera a Roma presso la Domus San Sebastiano l’iniziativa di beneficenza “Gemme in rock”. L’evento vuole essere l’occasione per richiamare l’attenzione sulle pazienti che hanno ricevuto una diagnosi di cancro e che, non solo combattono contro questa malattia, ma vogliono anche poter avere un bambino. L’associazione nasce da un’idea di Mariavita Ciccarone, ginecologa presso la struttura ospedaliera San Carlo di Nancy di Roma, e si propone come obiettivo di aiutare le donne ad affrontare la terapia grazie ad un servizio di assistenza integrato, con la prospettiva di vedere realizzato il desiderio di “essere madri”. Durante la serata si esibirà la JC Band, gruppo rock nato nel ’99 e composto interamente da dipendenti della casa farmaceutica Janssen Italia. Un’attenzione particolare verrà dedicata ai piccoli ospiti: la scrittrice e poetessa Antonella Pagano aprirà la serata con la lettura dell’opera “L’abbraccio della poesia con campanelli”. Inoltre all’interno delle antiche cave di Pozzolana, gli invitati potranno ammirare i quadri realizzati dagli utenti dell’Opera Don Uva di Bisceglie che hanno partecipato al laboratorio di Arteterapia a cura del maestro Tomas Di Terlizzi.
© Copyright Redattore Sociale