20 luglio 2018 ore: 10:47
Giustizia

Nessuna richiesta al fondo per chi è accusato di eccesso di legittima difesa

Istituito in Lombardia nel 2015, prevede il rimborso delle spese legali fino a 30 mila euro. Torna d'attualità con il dibattito sulla riforma degli articoli del codice penale. L'assessore De Corato: "Presto arriverà la richiesta di Mario Cattaneo, l'oste di Castelletto Lodigiano che sorprese nel suo locale i ladri e ne uccise uno"
Giornalisti minacciati - pistola puntata

MILANO - È dal 2015 che la Regione Lombardia ha un fondo per aiutare chi è imputato per "eccesso colposo di legittima difesa". Chi finisce sul banco degli imputati con questa accusa, ad esempio per aver sparato al ladro disarmato che si è trovato in casa, può chiedere alla Regione un sostegno per pagare le spese dell'avvocato. Fino a un massimo di 30 mila euro. Nessuno per ora ne ha usufruito.

Il fondo è stato voluto fortemente dalla Giunta di Roberto Maroni e sostenuto da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia e voleva essere un segno di sostegno a chi si ritrova da vittima di un furto a imputato "per colpa" di una legge troppo restrittiva. Nell'aprile scorso, l'attuale assessore alla Sicurezza della Lombardia, Riccardo De Corato, ha pure portato i moduli, previsti per chiedere il contributo del fondo, a Mario Catteno, l'oste di Casaletto Lodigiano che nella notte del 10 marzo 2017 ha ucciso un ladro che, insieme ad alcuni complici, si era introdotto nel suo locale. "Ho parlato oggi con il suo avvocato e mi ha detto che presto presenteranno la domanda -annuncia De Corato-. Stanno aspettando il visto di congruità della parcella dell'avvocato che deve essere rilasciata dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati".

Il dibattito in Parlamento, sulla revisione degli articoli del Codice penale sulla legittima difesa, fa tornare di attualità anche questa iniziativa della Regione Lombardia che era finita nel dimenticatoio. "Ritengo che sia una misura utile e la mettiamo a disposizione dei cittadini lombardi - sottolinea Riccardo De Corato -. E come Regione è il massimo che possiamo fare".
Al fondo possono accedere i residenti in Lombardia che siano "vittime di un delitto contro il patrimonio e contro la persona" ed "essere accusati di aver commesso un delitto per eccesso colposo di legittima  difesa". Non deve avere precedenti penali, né essere stato dichiarato "delinquente abituale" e non essere già stato ammesso al patrocinio gratuito a spese dello Stato. (dp)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news