12 dicembre 2020 ore: 09:00
Non profit

Oltre 4000 desideri degli ospiti delle case di riposo già esauditi dai Nipoti di Babbo Natale

di Ambra Notari
Germana desiderava un’amica e ha trovato Silvia, Giacomina chiedeva un televisore ed è arrivato il regalo di Federico e Vittoria. Oltre 200 case di riposo di tutta Italia hanno già aderito al progetto dell’associazione "Un sorriso in più" per esaudire i desideri degli anziani in struttura
giacomina_nipoti_babbo_natale

La signora Giacomina felice per il regalo ricevuto dai Nipoti di Babbo Natale

GUANZATE (Como) – Duecento case di riposo sparse in tutta la penisola e oltre 4100 desideri già realizzati: sono i numeri dell’edizione 2020 dei Nipoti di Babbo Natale, progetto dell’associazione comasca Un sorriso in più, nato con l’obiettivo di stare vicino agli ospiti delle case di riposo. Da tre anni, infatti, il sito raccoglie i desideri degli ospiti delle strutture per anziani e dà la possibilità a chiunque di realizzarli: “L’edizione di quest’anno sta superando ogni aspettativa, quasi tutte le regioni hanno aderito. Appena carichiamo un desiderio, viene raccolto da qualcuno”, spiegano dall’associazione. Le persone che realizzano i desideri degli anziani diventano nipoti di Babbo Natale: sul portale scelgono il desiderio da esaudire, ricercano il regalo perfetto e lo accompagnano con un messaggio, un augurio: “Il momento della consegna diventa magico per entrambi: due sconosciuti si incontrano, seppure virtualmente, e donano l’uno all’altro affetto e calore. Il tempo trascorso insieme è il dono. La relazione che si crea è il vero dono”.

Tra gli anziani che hanno già visto esaudito il proprio desiderio, Germana, 73 anni: “Ho un desiderio che porto nel mio cuore da sempre: avere un amico/a sincero, con cui scambiarsi gioie e dolori, preoccupazioni e allegria senza nascondersi, senza vergognarsi, accettando i pensieri dell’altro anche se diversi dai propri. Un’amicizia fondata su affetto e sincerità. Dite sia troppo tardi per coltivare una amicizia così bella? Avere qualcuno con cui confidarsi? Mi piacerebbe tanto realizzare questo sogno… Mi potete aiutare? Grazie!”. Immediata la risposta di Silvia: “Buongiorno Germana, mi chiamo Silvia e ho trent’anni, mi farebbe molto piacere chiacchierare con lei e fare amicizia!”. Poi c’è Giacomina, l’ospite più giovane della struttura che l’accoglie, ma anche quella con una particolare e grave patologia: “Spesso ha momenti di irrequietezza dove si agita e urla tanto da doverla allontanare per un determinato momento dal gruppo allargato – spiegano gli operatori – . Abbiamo provato a tranquillizzarla in più modi, ma sembra che la cosa che più funziona siano le immagini della tv che in questo momento però nella sua stanza manca”. A esaudire il suo desiderio sono Federico e Vittoria: “Saremmo molto felici di poter donare un sorriso e un po’ di serenità a Giacomina, per questo Natale già molto difficile!”.

“L’edizione in corso ha un significato particolare – sottolineano dall’associazione –. Il 2020 ha riservato grandi difficoltà e sofferenze, soprattutto alle persone anziane, e ancora di più a chi vive in una struttura residenziale. Questo progetto rappresenta una delle rare opportunità di accedere virtualmente alle rsa, donando emozioni e calore reali agli anziani. A partire dal lavoro sul desiderio, l’iniziativa promuove un significativo momento di ascolto dell’anziano e permette di rielaborare i vissuti dolorosi di questi mesi e le paure rimaste per rivolgere uno sguardo fiducioso al futuro, nell’attesa di incontri felici”. Sostenitore dell’iniziativa, Marco Trabucchi, direttore scientifico del Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia e Presidente dell’Associazione italiana di psicogeriatria: “Nipoti di Babbo Natale funziona anche se tutto si ferma, anche se siamo bloccati. A Natale sarà presente: farà ricordare a chi è all’interno delle case di riposo la generosità di chi sta fuori, farà sentire agli anziani che anche per loro c’è uno spazio di Natale, uno spazio di amore, di affetti e di vicinanza. Il dono farà capire a tutti noi che il blocco del Covid è stato superato dall’affetto e dall’amore intelligente di Nipoti di Babbo Natale”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news