6 aprile 2016 ore: 15:39
Immigrazione

Oltre 5 mila scomparsi in più nell’ultimo anno: “è emergenza minori stranieri”

Al 31 dicembre 2015 sono 34.562 le persone ancora da rintracciare. E dal 2012 a oggi sono 5.455 i minori non accompagnati di cui si sono perse le tracce. Piscitelli: “Nella maggior parte dei casi allontanamenti volontari” Manzione: “Stiamo lavorando per migliorare sistema di accoglienza”
Minori non accompagnati scomparsi - peluche a terra

ROMA – Sono 5.328 in più le persone scomparse in Italia nell’ultimo anno. In tutto, dal 1 gennaio 1974 al 31 dicembre 2015 sono 34.562 gli scomparsi ancora da rintracciare nel nostro Paese (8.705 italiani e 25.857 stranieri), di questi 11.983 sono maggiorenni mentre ben 21.240 minorenni (1.912 italiani e 19.328 stranieri). Lo dicono i dati della relazione 2015 sulle persone scomparse, resa nota oggi a Roma, dal Commissario straordinario del Governo, Vincenzo Piscitelli.

Il fenomeno più preoccupante riguarda quello dei minori dai centri di accoglienza- spiega la relazione-. Tra le motivazione di scomparsa, infatti, quello dell’allontanamento da istituto o comunità, rappresenta la casistica più considerevole tra i minorenni: sul totale di 5.163, 363 sono italiani e 4.800 stranieri. “Numeri cresciuti esponenzialmente a partire dalle primavere arabe e dai cambiamenti internazionali nell’area del Mediterraneo” spiega Piscitelli. Se si prendono in considerazione i dati sui minori stranieri dal 2012 a oggi  sono 5.455 gli scomparsi da recuperare, mentre 16.994 sono state le denunce e 9.947 i ritrovamenti.

“Quello dei minori stranieri non accompagnati che scompaiono è un’emergenza che c’è nel nostro paese – sottolinea il sottosegretario all’Interno Domenico Manzione – e che è sotto gli occhi di tutti. Il ministero dell’Interno sta cercando di sviluppare un sistema di accoglienza univoco e alcuni passi sono stati fatti, come il superamento della frantumazione delle competenze tra ministero Lavoro e ministero dell’Interno e lo spostamento del fondo per l’accoglienza. E’ un sistema che stiamo costruendo e che speriamo serva a ovviare almeno in parte il problema”.

Piscitelli ha ricordato che per quanto riguarda gli stranieri scomparsi in molti casi si tratta di allontanamenti volontari, di minori, cioè, che vogliono raggiungere parenti o amici in altri paesi europei. “C’è poi un problema nel problema – aggiunge – perché si tratta di categorie fragili e vulnerabili che possono finire anche nella rete della criminalità”. L’altro fenomeno rilevato  è quello della sottrazione di minori: sono 365 in tutto, di cui 200 stranieri e 165 italiani.

Altra categoria con un numero preoccupante di scomparse sono gli anziani: 1.339 gli over 65 di cui non si ha più traccia, nella quasi totalità dei casi sono italiani (1.106). Infine, sono 190 gli italiani scomparsi all’estero di cui 136 maggiorenni, 23 over 65 e 23 minorenni. Le regioni dove il fenomeno è più ricorrente sono il Lazio (7.089), la Sicilia (6.362), la Lombardia (3.562) la Campania (3398) e la Puglia (3177). 

© Copyright Redattore Sociale

in calendario