3 settembre 2010 ore: 10:37
Immigrazione

Palazzo San Gervasio: dopo 11 anni, chiuso il campo che accoglieva i migranti

“Atto di forza” dell’amministrazione comunale, secondo cui non ci sono le condizioni igieniche per riaprirlo. Sorgeva su un bene confiscato, con servizi e tende. Dalla regione 190 mila euro ritenuti insufficienti dal comune
PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) – Il campo d’accoglienza di Palazzo San Gervasio è nato nel 1999 su un’ex fabbrica di laterizi, bene confiscato a un boss della Sacra Corona Unita e oggi di proprietà del comune, sulla spinta di un comitato per l’emergenza extracomunitari composto da cittadini e associazioni. Con i fondi di comune, provincia e regione sono stati realizzati i bagni, i servizi e le pompe dell’acqua. E con fondi regionali venivano acquistate circa 300 tende canadesi biposto, le stesse che gli africani si portarono dietro a Rosarno, poi abbandonate nello scheletro dell’Oleificio Opera Sila a causa dello sgombero e della fuga dopo la rivolta. Quest’anno l’amministrazione comunale (Pdl – Udc) ha deciso di non riaprirlo, nonostante uno stanziamento di 190 mila euro da parte della regione.
“Un centinaio di stranieri vivono a Palazzo tutto l’anno, perché lavorano anche nella piantumazione in primavera – spiega a Redattore Sociale il vicesindaco Paolo Palumbo – l’occupazione degli africani nella raccolta a partire da fine agosto dipende dalle condizioni climatiche”. Se piove lavorano i braccianti perché non si possono usare le macchine. Altrimenti, i nastri trasportatori raccolgono le piante e i pomodori vengono separati dalle foglie direttamente sui rulli. “Quello che fa la macchina in un giorno, lo fanno 10 persone in una settimana” commenta il vicesindaco. “Produciamo pomodori tondi e San Marzano, acquistati da aziende napoletane come la Doria per la trasformazione industriale – dice – l’anno scorso il dato ufficiale di persone ingaggiate è stato di 800 su tutta l’area, di cui il 40% a Palazzo, secondo l’ufficio territoriale del lavoro. Con l’ingaggio regolare vengono pagati circa 12 euro di contributi e 40 euro per 7 ore di lavoro al bracciante, a cottimo invece la paga è di 4 euro a cassone”. Un cassone pesa 3 quintali e viene pagato al produttore 20 euro con i pomodori che vanno a 6 centesimi al chilo. In media un bracciante raccoglie 30 cassoni al giorno. Ma una parte di questa paga è trattenuta dal caporale che ha procurato il lavoro. “Si tratta comunque di lavoro residuo, solo quello che non fanno le macchine – sottolinea Palumbo - siccome da noi si raccoglie a settembre, capita che ci siano giornate piovose”.
 
Sul braccio di ferro con la regione, il vicesindaco afferma che “dispiace che possa passare l’idea che i palazzesi non sono ospitali, ma non siamo in grado di gestire quel campo e soprattutto non con regole imposte dall’alto, la visita qui del Comitato Schengen (presieduto da Margherita Boniver, ndr.) non ha portato soluzioni”. Palumbo parla proprio di un “atto di forza da parte dell’amministrazione comunale per non riaprire il campo”. L’amministrazione comunale lamenta il fatto che nel campo c’è posto per duecento persone ma poi vi si riversano in migliaia. “Se la regione vuole, può gestirselo da sola, ma ci devono garantire il rispetto delle condizioni igienico- sanitarie”, dice secco il vicesindaco. E i 190 mila euro stanziati per organizzare l’accoglienza al campo? “Centomila euro sono per la gestione del campo, ma non bastano vista l’assenza di strutture e gli altri 90 mila erano per requisire un albergo abbandonato per pubblica utilità, risistemarlo e pagare l’affitto da luglio a novembre, la cosa è stata accantonata”, risponde.
L’altra possibile soluzione era un’agenzia per la casa. Ma il bando per farne una pubblica è fallito. “Solo una persona ha risposto per mettere a disposizione gli alloggi, c’è diffidenza verso i neri rispetto ai rumeni che invece vivono in affitto e sono circa 200 – continua Palumbo – quindi si è costituita un’associazione di privati come agenzia sociale per la casa, che ha reperito 20 immobili sfitti, con un centinaio di posti. Dell’associazione fanno parte anche i proprietari delle case che così si sentono garantiti sul pagamento dell’affitto e di eventuali danni”. Secondo il vicesindaco, in questo modo gli africani andrebbero a stare dentro il paese e organizzando un sistema di trasporto pubblico verso i campi si limiterebbe il caporalato. Ma la cosa per ora non funziona ed è lontana dalla realtà. Né si può fare un centro sul bene confiscato con i fondi del Pon Sicurezza come a Rosarno, secondo quanto afferma l’amministratore, perché la Basilicata non ospita i Cie e quindi non può accedere ai bandi. L’altra proposta del comune, fatta due anni fa, è quello di un progetto del costo di un milione e 800mila euro presentato in Regione per una sede COM della protezione civile per emergenze e calamità, che può essere usata per fini alternativi. Un campo con container e servizi, per cui la protezione civile ha dato l’ok e la disponibilità di un milione di euro, ma la Regione non ha finanziato il resto della somma. Tra progetti abbandonati o mai andati in porto e il campo di accoglienza chiuso, a farne le spese sono ovviamente i lavoratori stranieri, coinvolti loro malgrado a migliaia nell’ennesima ‘emergenza’ che va avanti da dieci anni. (rc)
© Copyright Redattore Sociale