13 ottobre 2017 ore: 14:03
Economia

Pensioni, il Veneto dà lo status disoccupato a chi chiede l'ape sociale

Lo scorso maggio la Regione Veneto ha ripulito le liste di disoccupazione dei Centri per l'impiego eliminando circa 185 mila persone che, pur risultando prive di lavoro da oltre tre anni e con un patto di servizio sottoscritto...

VENEZIA - Lo scorso maggio la Regione Veneto ha ripulito le liste di disoccupazione dei Centri per l'impiego eliminando circa 185 mila persone che, pur risultando prive di lavoro da oltre tre anni e con un patto di servizio sottoscritto da piu' di 24 mesi, non avevano ancora effettuato alcuna ricerca di lavoro. L'obiettivo era quello di "depurare le liste dai nominativi di chi non cercava lavoro da tempo e non era piu' interessato ad eventuali proposte di riqualificazione e accompagnamento", spiega l'assessore regionale al Lavoro, Elena Donazzan. Cio' ha pero' avuto un effetto secondario indesiderato, perche' successivamente all'entrata in vigore dell'Ape sociale, governo e Inps hanno chiarito che per potervi accedere "bisognava non solo aver raggiunto i 63 anni di eta' e i 30 anni di contributo, ma anche risultare in stato di disoccupazione".

E cio' contrasta con l'operazione portata avanti dalla Regione, perche' molti dei disoccupati cancellati avevano interrotto la loro ricerca proprio perche' prossimi all'eta' della pensione. Insomma, un'operazione fatta per alleggerire i Centri per l'impiego e liberare posti per chi e' alla ricerca di un lavoro, finisce per penalizzare chi un lavoro non lo cerca piu' perche' troppo avanti con gli anni, tanto da possedere i requisiti per ottenere l'Ape.

Quindi ora il Veneto interviene con una nuova delibera, che consente a chi ha presentato domanda di Ape sociale di reiscriversi alle liste di disoccupazione, in modo da avere tutti e tre i requisiti e poter accedere alla misura di accompagnamento alla pensione.

Con questo intervento "correggiamo una dimenticanza della legislazione nazionale", conclude Donazzan, secondo cui il governo avrebbe dovuto tenere conto anche della condizione della situazione di chi non e' piu' iscritto alle liste di disoccupazione proprio perche' in possesso degli altri due requisiti necessari per chiedere l'Ape, ovvero perche' gia' molto vicino alla pensione. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale