2 settembre 2015 ore: 15:19
Immigrazione

Permesso di soggiorno troppo costoso, la Corte Ue boccia l'Italia. "Tassa odiosa"

L'Ue, dando ragione a Inca e Cgil, impone al governo italiano di rimettere mano alla tassa per il rinnovo che va dagli 80 ai 200 euro. "Le politiche punitive contro gli immigrati non devono e non possono prevalere"
Immigrati con cartello Permesso di soggiorno

Roma  - Chiedere da 80 a 200 euro agli immigrati per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno è troppo. La tassa imposta loro dall’Italia è “sproporzionata” e contraria ai principi dell’Unione Europea. Dalla Corte di Giustizia dell’Ue arriva la bocciatura della tassa sui permessi. Dando ragione a Cgil e Inca, l'Ue costringerà il governo a rimettere mano alla tassa.

In particolare, la Corte ha stabilito che il “contributo per il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno” introdotto dall’Italia nel 2010 cozza con la direttiva 2003/109/CE sui “soggiornanti di lungo periodo”. Chiedere così tanti soldi agli immigrati regolari potrebbe infatti ostacolare il loro accesso alla carta di soggiorno. 

“Gli Stati membri – sottolinea la corte - sono legittimati a subordinare il rilascio dei permessi di soggiorno alla riscossione di contributi ma questi non devono avere né per scopo né per effetto di creare un ostacolo al conseguimento dello status di soggiornante di lungo periodo”. E invece l’attuale contributo chiesto dallo Stato italiano “può rappresentare un ostacolo alla possibilità per i predetti cittadini dei paesi terzi di far valere i diritti conferiti loro dalla direttiva”. 

“Grande e importante risultato è quello conseguito oggi dalla Cgil e dall'Inca nel contrasto delle politiche discriminatorie verso gli immigrati - si legge in una nota - . La giustizia europea, nell'accogliere il nostro ricorso al Tar del Lazio offre, o forse sarebbe meglio impone, al paese una importante opportunità per correggere le politiche sull'immigrazione prodotte dal governo di centro destra nel 2011. La Corte di giustizia europea a chiare lettere boccia la tassa sui permessi di soggiorno introdotta con il decreto 304 del 31 dicembre 2011 giudicandola sproporzionata rispetto al costo del rilascio della carta d'identità. Ricordiamo che si tratta di un balzello che va dagli 80 ai 200 euro e che si aggiunge alla tassa precedentemente fissata di 73,50 euro”.

“E' con grande soddisfazione che l'Inca  e la Cgil accolgono l'esito di un percorso giudiziario intrapreso, insieme alle iniziative politiche di contrasto, immediatamente dopo l'approvazione di questo odioso provvedimento perché dimostra come le politiche punitive contro  gli immigrati non devono e non possono prevalere sui legittimi diritti di cittadinanza, indipendentemente dal paese di provenienza”. 

“Questa sentenza – affermano Cgil e Inca - non può essere ignorata dal governo italiano e pertanto chiediamo che si attivi subito riducendo drasticamente il costo per il rilascio e il rinnovo di tutti i permessi di soggiorno, senza aspettare il pronunciamento del Tar che comunque dovrà recepire la decisione del tribunale europeo”. 

Secondo Cgil e Inca “E' anche significativo che questa sentenza esca proprio mentre l'Europa è attraversata da rigurgiti nazionalisti, da chiusure verso i disperati che cercano sicurezza e lavoro, da inaccettabili respingimenti e da provvedimenti di riduzione del welfare che colpiscono in particolare i migranti, anche comunitari. Ancora una volta i provvedimenti della corte europea appaiono come più avanzati e rispettosi del diritto delle persone rispetto alle stesse politiche europee”. 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news