9 febbraio 2023 ore: 12:29
Disabilità

Politiche in favore delle persone anziane, Fish: “Ecco le criticità del disegno di legge”

Una delegazione della Fish è stata audita ieri in commissione Sanità del Senato. Nel complesso la Federazione valuta positivamente il testo, ma ha evidenziato alcune criticità: non viene fatta differenza tra persone non autosufficienti e persone che hanno maturato la disabilità in età avanzata; prevedere percorsi di potenziamento dell’autonomia; garantire il diritto a vivere dove si vuole; non reperire le risorse dal Fondo non autosufficienza
Disabilità, anziani: uomo in carrozzina di spalle

ROMA - Una delegazione della Fish, guidata dal vicepresidente Roberto Speziale, è stata audita ieri in commissione Sanità del Senato sul disegno di legge n. 506, ovvero deleghe al Governo in materia di politiche in favore delle persone anziane.
“I principali obiettivi del ddl mirano a semplificare le attuali politiche e promuovere un'assistenza personalizzata, favorendo la promozione delle condizioni di vita, di cura e di assistenza delle persone anziane, mediante interventi idonei a soddisfare i loro bisogni – afferma la Federazione italiana superamento handicap -. Nel complesso valutiamo positivamente il testo, ma ne evidenziamo alcune criticità emerse dal costante confronto con le associazioni”.

Precisa la Fish: “Come dice la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, la disabilità è una condizione. Il ddl non fa differenza tra persone non autosufficienti e persone che abbiano maturato disabilità in età avanzata. Anche sulla non autosufficienza sarebbe il caso di fare riferimento a ciò che dice la Convenzione. La federazione chiede inoltre di tener conto di disabilità pregressa nelle persone anziane, in modo coerente e rispettoso del progetto di vita indipendente, attraverso il rispetto del PAI, strumento vitale per garantire alla persona che ne beneficia il soddisfacimento dei bisogni e desideri effettivi. La nostra associazione ha inoltre proposto di prevedere percorsi e attività di potenziamento dell'autonomia delle persone con disabilità. In questo senso si inserisce anche la proposta di garantire il diritto della persona con disabilità a vivere dove si vuole e con chi si vuole, mentre il ddl comprime questo diritto attraverso delle proposte di co-housing“.

Fish, nella sua memoria, ha inoltre chiesto ai senatori di stralciare le proposte inerenti la figura del caregiver, “in quanto non è presente nel nostro ordinamento una normativa generale sulla figura”.
Sulla coperture finanziarie, la Federazione reputa che “i fondi per la realizzazione delle proposte contenute del ddl non debbano essere prese dal fondo non autosufficienza, né da altri fondi istituiti per rispondere a quanto predisposta da altre norme”.
L'associazione, infine, ha chiesto un maggiore coinvolgimento degli enti del terzo settore nella discussione delle politiche in favore delle persone con disabilità e non autosufficienti.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news