23 novembre 2015 ore: 17:03
Economia

Povertà, approvate le linee guida per le persone in stato di marginalità

Nei giorni scorsi la Conferenza Unificata ha approvato le Linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione adulta in Italia. Le Linee di indirizzo, che saranno promosse e diffuse a livello nazionale, intendono qualificare gli inte...
Bambini poveri. Ragazzina cerca in cassonetto spazzatura

Roma - Nei giorni scorsi la Conferenza Unificata ha approvato le Linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione adulta in Italia. Le Linee di indirizzo, che saranno promosse e diffuse a livello nazionale, intendono qualificare gli interventi per le persone in grave marginalita' attraverso indicazioni unitarie che raccolgono le migliori esperienze locali, nazionali ed europee. Frutto di un lavoro condiviso con i rappresentanti dei diversi livelli di governo e, in particolare, delle citta' metropolitane, il documento e' il risultato di un confronto che nasce dal basso, dalle attivita' dei servizi e dall'animazione dei territori, realizzato con la collaborazione della Fio.PSD - Federazione italiana degli organismi per le persone senza dimora.

Al riguardo, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti ha dichiarato: "Con l'accordo sancito in Conferenza Unificata si aggiunge un altro importante tassello al Piano Nazionale per il contrasto della poverta'. In questo caso, in particolare, per coloro che vivono in poverta' estrema e senza dimora. La grave marginalita' adulta e' un fenomeno sociale complesso, dinamico e multiforme che richiede interventi su piu' fronti e l'integrazione di professionalita' specifiche. E' determinante in questo senso il potenziamento della rete dei servizi, la collaborazione con il terzo settore e la sperimentazione di modelli innovativi di intervento".

Le linee guida - che adottano, in particolare, un approccio orientato al cosiddetto Housing First! - costituiranno anche il riferimento per formulare proposte progettuali che potranno essere finanziate nei prossimi anni a valere sul PON inclusione e sul Programma relativo al Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD). Le proposte saranno principalmente a cura delle grandi citta', in cui il fenomeno e' particolarmente concentrato. "L'Europa ha scommesso su questo obiettivo e ci sollecita a intervenire con strategie integrate. Le risorse ci sono: complessivamente, almeno 100 milioni di euro nei prossimi sette anni, finanziati dai due programmi operativi di cui il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e' titolare", ha aggiunto il ministro Poletti.

Le linee di indirizzo verranno presentate giovedi' 10 dicembre, alle ore 10, presso il Parlamentino del Cnel, alla presenza del ministro Poletti. Nel corso dell'evento verra' anche illustrata la nuova indagine sulle persone senza dimora, realizzata dal Ministero insieme a Istat e Fio.PSD. A 36 mesi dallo svolgimento della precedente indagine, che ha fornito per la prima volta un quadro approfondito sul fenomeno delle persone senza dimora e sul sistema di servizi, formali e informali, ad esse destinati, la nuova rilevazione aggiornera' l'analisi e approfondira' alcuni aspetti precedentemente non indagati. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news