/ Welfare
27 ottobre 2016 ore: 15:29
Disabilità

Reggio Emilia, al via una ricerca su sessualità e disabilità

Prevenzione, salute e benessere, affettività, relazioni sentimentali e sessualità. Sono i diversi ambiti indagati nella ricerca promossa nell’ambito del progetto “Reggio Emilia città senza barriere”. Obiettivo? Aprire uno sportello di consulenza. C’è tempo fino al 30 novembre per partecipare
Disabili amore e sessualità

REGGIO EMILIA – Prevenzione, salute e benessere, affettività, relazioni sentimentali e sessualità. Sono i diversi ambiti presi in considerazione dall’indagine “Sessualità nella disabilità” promossa nell’ambito del progetto “Reggio Emilia città senza barriere” e in corso su tutto il territorio provinciale. “La ricerca fa parte di un progetto più ampio, costruito sulla base della discussione portata avanti da tempo da diverse associazioni, che vuole occuparsi del complesso rapporto tra disabilità e sessualità tentando di dare una risposta alle semper più numerose e varie richieste dei cittadini – spiegano i promotori – Partendo dal presupposto che la sessualità è una delle componenti più ricche dell’essere umano, rappresenta un’importantissima risorsa nello sviluppo della persona e nelle varie tappe della sua vita”. Tra le finalità dell’indagine: sensibilizzare i cittadini, dare risposte a chi vive uno stato di disagio, individuare e valorizzare le attività che già esistono sul territorio, creare una rete di conoscenze specifiche sul tema.

Obiettivo del percorso è l’apertura di uno sportello di consulenza sessuologica rivolto ai destinatari del progetto. La ricerca è rivolta a persone disabili, i loro familiari, gli operatori interessati tra cui medici di base, ginecologi, andrologi, urologi, neuropsichiatri infantili, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti, pediatri, infermieri, terapisti occupazionali, fisioterapisti e altri che lavorano a domicilio, nelle strutture deputate e a scuola, compresi educatori e insegnanti di sostegno. Si può partecipare alla ricerca compilando il questionario on line sulla pagina di Reggio Emilia città senza barriere (anonimo e in 3 versioni a seconda della persona che risponde: disabile, familiare, operatore) o in formato cartaceo nella Farmacia centrale Fcr di piazza Prampolini, nell’edicola interna dell’Ospedale Santa Maria Nuova e nelle altre sedi indicate sul sito. Le copie vanno poi restituite in una delle 50 urne distribuite sul territorio provinciale. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale