23 ottobre 2014 ore: 11:59
Ambiente

Riaprono le fontane. Con le "Case dell’Acqua" risparmio di 130 euro a famiglia

Offrire gratis a cittadini e turisti acqua fresca di qualità, naturale o gassata. È l’obiettivo delle "Case dell’Acqua" di Acea (municipalizzata che gestisce i servizi idrici di Roma), vere e proprie fontane tecnologiche che saranno a breve installate in varie zone della provincia
Case dell'acqua 1
Case dell'acqua 1

ROMA - Offrire gratis a cittadini e turisti acqua fresca (9 gradi) di qualità, naturale o gassata, con dosi da bicchiere oppure da un litro. È l’obiettivo delle “Case dell’Acqua” di Acea (municipalizzata che gestisce i servizi idrici di Roma), vere e proprie fontane tecnologiche che riceveranno acqua dagli acquedotti romani e saranno a breve installate in varie zone della città e della provincia. L'acqua verrà microfiltrata e igienizzata con un sistema a raggi ultravioletti. Il prototipo dei “nuovi nasoni hitech” darà anche la possibilità di ricaricare per strada il proprio cellulare o tablet attraverso porte usb appositamente installate, o consultare informazioni di pubblica utilità su uno schermo ad alta definizione.

 

Come funziona l'erogazione
Case dell'acqua 2

“Roma diventa ancora più eco”. Le “Casine” offriranno ai cittadini un nuovo servizio pubblico, efficiente e innovativo, rientrano nel programma di investimenti, in accordo con l’ente d’Ambito, per rinnovare le reti del servizio idrico integrato della città. “Roma diventa ancora più eco e tante famiglie romane potranno bere acqua frizzante di ottima qualità, risparmiando nella spesa di tutti i giorni”, ha sottolineato il presidente di Acea Catia Tomasetti, presentando l’idea. Le Case dell’Acqua “sono uno strumento di welfare, e sono un segnale concreto di attenzione e valorizzazione del territorio”. Un progetto “ambizioso, incentrato sull’innovazione, sul rispetto dell’ambiente e sulla partecipazione”, lo ha definito Paolo Masini, assessore allo sviluppo delle periferie, infrastrutture e manutenzione urbana.  Verranno messi a disposizione decine di punti di distribuzione di acqua gratuita, che incentiveranno “il consumo responsabile e la riduzione dei vuoti a perdere, dando la possibilità di restare informati sulle iniziative del comune e di Acea”.

 

Si possono anche ricaricare tablet e cellulari...
Case dell'acqua 3

L’impegno è quello di installare oltre 100 Case nel giro di tre anni, che una volta a regime, porteranno importanti vantaggi per quanto riguarda la sostenibilità ambientale e le tasche dei cittadini. “A fronte di un’erogazione prevista di circa 60 mila metri cubi di acqua all’anno, si stima infatti un risparmio di 1.800 tonnellate di bottiglie di plastica, pari a 5 mila tonnellate di Co2 in meno emesse nell’etere per la loro produzione, trasporto e smaltimento. Una famiglia tipo di tre persone potrà risparmiare fino a 130 euro all’anno per l’acquisto di acqua minerale”. Con questi ‘nasoni’ del futuro, spiega ancora l’assessore Masini "costruiamo un nuovo modo di approcciare all’utilizzo dell’acqua, bene comune insostituibile”. L’”oro blu” a portata di tutti. (slup) 

© Copyright Redattore Sociale