21 giugno 2023 ore: 15:02
Salute

Roma, chiude il reparto maternità al Cristo Re, la petizione per impedirlo

In poche ore 2.500 firme. Le mamme: "Grave perdita, difficile trovare un'altra struttura così"
madre figlio neonato nascita maternità

ROMA - Il reparto di Ostetricia dell'ospedale Cristo Re di Roma chiude. "È stata confermata la chiusura totale di tutto il blocco nascita. Apriranno la procedura domani, entro un massimo di 75 giorni dovrà essere conclusa, per quanto riguarda il personale che potrà essere reimpiegato in azienda, le infermiere 'ridistribuite, mentre per le ostetriche sembra ci sia in corso un accordo per impiegarle presso il Santo Spirito e San Filippo (a tempo determinato). Per tutte le altre figure non sono state date rassicurazioni, comunque seguiranno altri incontri con le sigle sindacali". Così su Facebook viene annunciata quella che nelle scorse settimane era solo una voce di corridoio. Una notizia che, se confermata, lascerebbe senza parole tante donne che hanno scelto di partorire in quello che da anni ormai è un punto di riferimento per tutto il quadrante ovest della Capitale.

"Se è vero che il reparto sta per chiudere (e purtroppo fonti certe lo confermano) credo sarebbe importante riuscire a far sentire la nostra voce, quella di donne che hanno ricevuto presso un reparto tanto speciale e mandato avanti da persone meravigliose, il massimo aiuto e supporto possibile, con immensa umanità, comprensione e professionalità, caratteristiche che rendono il reparto di ostetricia e ginecologia del Cristo re un luogo meraviglioso e perfetto dove dare alla luce nuovi individui". È uno dei tanti commenti che si leggono su facebook.

"Una gravissima perdita per tante mamme attuali e future- scrive un'altra donna- Per quelle attuali perché difficilmente troveranno un'altra struttura dove proseguire il loro cammino con la stessa assistenza e serenità, per quelle future perché obiettivamente un reparto cosi attento a qualsiasi esigenza, cosi preparato ma allo stesso tempo dolce io credo non esista da nessuna parte".

È stata anche lanciata una petizione contro la chiusura del reparto (https://chng.it/HYvVG5TH) che in poche ore ha raggiunto più di 2.500 firme.

"Tutte le donne sanno partorire, tutti i bambini sanno nascere. Questa è la frase scritta su un cartello del reparto maternità dell'ospedale Cristo Re. Una frase che a passarci davanti riesce a dare una carica e un'energia incredibile. Ed è esattamente questo quello che ogni persona del team del Cristo Re riesce a fare in modo straordinario durante il tanto atteso quanto temuto momento del parto" si legge nella petizione.

"Vogliamo però dare voce non solo a tutte le mamme che hanno partorito in questa struttura, e che si oppongono a questa chiusura insensata- prosegue il documento- ma a tutte quelle che avevano pianificato il loro parto da tempo e che a causa della chiusura non potranno usufruire degli ottimi servizi offerti dal reparto maternità! Vogliamo inoltre dimostrare il nostro supporto e solidarietà alle oltre 65 figure professionali ( ginecologi, ostetriche, puericultrici e vigilatrici del nido) che verranno messe in cassa integrazione o sparpagliate in tutto il territorio".

"Il reparto maternità del Cristo Re non è il solito bambinificio, ma un posto dove le mamme vengono ascoltate, accudite e consigliate, ed insieme ai loro bambini non sono solo numeri /target da raggiungere! Chiediamo quindi alla Direzione Sanitaria dell'ospedale e alla Regione Lazio- si legge ancora- di revocare la chiusura di questo reparto così da non privare tante future mamme della competenza e dell'esperienza dello staff che ogni giorno, da anni, svolge con impegno, dedizione e soprattutto con amore il proprio lavoro".

(DIRE)
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news