1 ottobre 2014 ore: 16:16
Giustizia

Rugby, nasce la squadra dei detenuti: partecipa al campionato italiano

Nasce "Giallo Dozza Bologna rugby", la squadra formata da detenuti del carcere Dozza di Bologna. Sono 27 quelli selezionati dalla Dozza. Ma ne arriveranno anche da altre strutture. Il debutto nel campionato di C2, il 25 ottobre, contro il Rugby Lyons di Piacenza. Le partite si giocheranno sempre "in casa"
Valentina Gabusi Giallo Dozza Bologna rugby 1

Giallo Dozza Bologna rugby

boxBOLOGNA - Una palla ovale per superare le sbarre del carcere e sentirsi liberi. Succede anche a Bologna dove è nata la squadra “Giallo Dozza Bologna rugby” e dove da quest’anno parteciperà al campionato italiano di rugby serie C2 nel girone emiliano. Prima partita il 25 ottobre dove i 27 detenuti selezionati per far parte della squadra affronteranno il Rugby Lyons di Piacenza. La scelta del nome non è stata casuale, un richiamo al cartellino giallo che nel rugby assegna una penalità al giocatore scorretto costringendolo a trascorrere 10 minuti fuori dal campo in una panchina separata dagli altri per riflettere sull’errore commesso in campo. L’idea del progetto “Tornare in campo” è nata dalla collaborazione tra il presidente del Rugby Bologna Francesco Paolini, la direttrice del carcere Claudia Clementi e il Provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria, Pietro Buffa.

Giallo Dozza Bologna rugby
Giallo Dozza Bologna rugby 1

A scendere in campo 27 ragazzi di diverse nazionalità a cui si aggiungeranno altri detenuti selezionati da altri carceri per formare un vivaio più ampio. “Le partite si svolgeranno tutte in casa – ha detto Claudia Clementi – e non ci saranno trasferte”. Intanto i detenuti continuano ad allenarsi e dopo un periodo in cui hanno alternato lavoro sul campo e lavoro didattico si sentono pronti ad affrontare questo primo impegno. A guidare questi ragazzi due allenatori di esperienza con un passato da rugbisti nel Bologna in serie A, Massimiliano Zancuoghi e Frrancesco Di Comite. “L’idea è quella di portare i valori egli elementi tipici di questo sport – ha detto Pietro Buffa – Ricordo quando a Torino Walter Rista mi propose di portare il rugby nel carcere delle Vallette. All’inizio rimasi perplesso poi però l’idea prese forma e oggi la squadra gioca in campionato”.

Giallo Dozza Bologna rugby
Giallo Dozza Bologna rugby 2

Un progetto esportato che ha messo radici anche a Bologna e che oltre all’amministrazione penitenziaria e il club di rugby bolognese ha visto la partecipazione anche di alcuni sponsor, Emil Banca, Coopadriatica e Macron, per il sostegno economico: dalla realizzazione delle divise alla possibilità di acquistare prodotti per una corretta alimentazione degli sportivi. (dino collazzo)

Giallo Dozza Bologna rugby
Giallo Dozza Bologna rugby 3
© Copyright Redattore Sociale

in calendario