10 maggio 2019 ore: 17:03
Salute

Salute, l’infermiere di comunità in tutta la Toscana centrale

Dopo Lastra a Signa, Montespertoli, Agliana e Montale e l’ultimo in ordine di tempo, Scandicci, la mappa geografica dell’infermiere di famiglia e di comunità, crescerà nel 2019 di altri Comuni dell’area fiorentina e del pistoiese per poi completarsi nel 2020 in tutte le aree territoriali della Ausl Toscana centro

FIRENZE - Dopo Lastra a Signa, Montespertoli, Agliana e Montale e l’ultimo in ordine di tempo, Scandicci, la mappa geografica dell’infermiere di famiglia e di comunità, crescerà nel 2019 di altri Comuni dell’area fiorentina e del pistoiese per poi completarsi nel 2020 in tutte le aree territoriali della Ausl Toscana centro. I tempi del nuovo servizio che porta risposte assistenziali al domicilio, sono stati presentati dal direttore del dipartimento infermieristico e ostetrico, Paolo Zoppi, a Toscana Tv nel corso della trasmissione di informazione sanitaria dell’Azienda. Zoppi ha sottolineato il significato del servizio sia in termini organizzativi che di eccellenza della modalità di esercizio della professione infermieristica. 

“In un processo di cura – ha raccontato Laura Baldinotti, infermiera di famiglia a Montespertoli – il bisogno prestazionale sanitario può diventare quello meno importante, se c’è qualcuno che accompagna e non fa sentire soli. E’ questa la strada per dotare la persona di risorse indispensabili in situazioni spesso anche molto drammatiche”. In studio insieme a Zoppi, Monica Bogani, infermiera di famiglia Lastra a Signa e in esterna Anna Di Natale, coordinatrice Aggregazioni Funzionali territoriali Signa e Lastra a Signa. 

 

 

© Copyright Redattore Sociale