25 ottobre 2021 ore: 14:30
Salute

Sanità, in Toscana 4 nuovi poli di eccellenza chirurgica

Quattro nuovi poli di eccellenza chirurgica per il trattamento di patologie ad alta complessità, che riguardano il pancreas, il fegato, le patologie testa-collo e le infezioni periprotesiche o osteoarticolari

FIRENZE – Quattro nuovi poli di eccellenza chirurgica per il trattamento di patologie ad alta complessità, che riguardano il pancreas, il fegato, le patologie testa-collo e le infezioni periprotesiche o osteoarticolari, sono stati creati in altrettanti ospedali, San Giovanni di Dio, Santa Maria Annunziata e Ospedali di Pistoia e Prato, e pertanto all’interno della rete ospedaliera dell’Azienda USL Toscana centro.

Centralizzazione intermedia del paziente (applicando il modello organizzativo Hub e Spoke), accorpamento delle competenze professionali, disponibilità di tecnologie avanzate, approccio multiprofessionale, oltre al volume dei casi già trattati, fanno da comune denominatore alla riorganizzazione operata dal Dipartimento delle Specialistiche Chirurgiche, diretto dal dottor Stefano Michelagnoli, per offrire ai cittadini percorsi di cura in un’ottica multispecialistica e di sistema ospedaliero integrato.  

 

Patologie complesse, sia dal punto di vista biologico che delle cure, come i tumori pancreatici, che richiedono interventi anche riabilitativi ed estetici come quelle dell’area testa-collo, che sviluppano in particolare lesioni metastasiche come le malattie oncologiche del fegato e le infezioni che costituiscono la peggiore complicanza della chirurgia ortopedica e traumatologica sono concentrate negli Hub di riferimento che possiedono specifici ed elevati requisiti in ambito diagnostico e terapeutico. La concentrazione delle patologie più complesse in singoli centri, Hub, ha portato a risultati clinici ottimali per i pazienti.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news