24 febbraio 2016 ore: 15:38
Salute

Sanità, Mattarella al Santa Lucia: tutti dovrebbero visitare gli ospedali

"Gli ospedali sono luoghi che tutte le persone in salute dovrebbero visitare per rendersi conto di come funzionano e delle difficolta' che esistono". Inizia cosi' il discorso del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in visita oggi alla Fo...
malato in ospedale con medico in primo piano

"Gli ospedali sono luoghi che tutte le persone in salute dovrebbero visitare per rendersi conto di come funzionano e delle difficolta' che esistono". Inizia cosi' il discorso del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in visita oggi alla Fondazione Santa Lucia di Roma, insieme al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e all'assessore alle Politiche sociali della Regione Lazio, Rita Visini.

"L'Irccs Santa Lucia- ha proseguito Mattarella- e' un crocevia, un punto d'incontro tra sofferenza, impegno professionale, solidarieta'. Qui siamo ai confini di cio' che sembra impossibile, eppure e' conseguito. Conoscevo cio' che viene fatto in questa struttura, ma vedere alcune delle cose svolte ha ben altro significato e impressione". Secondo il presidente del Repubblica, l'obiettivo ora e' "abbattere le barriere che a volte sembrano impossibili, ma questo- ha sottolineato ancora- si riesce a farlo con la scienza, l'assistenza e la ricerca".

Per Lorenzin, oggi di riabilitazione "si parla ancora poco- ha detto durante il suo intervento- e si fa ancora poco in Italia. Come per altri aspetti sanitari si va ancora macchia di leopardo. Abbiamo quindi attivato un network per mettere in rete gli Irccs, un grande sistema della riabilitazione italiana senza il confine del territorio e con obiettivo di dare a tutti i pazienti il massimo". Quanto al Santa Lucia, questo luogo e' "una vera eccellenza italiana- ha sottolineato il ministro- della nostra regione e della nostra citta'. Dobbiamo quindi valorizzare sempre piu' la meritocrazia, non con interventi a pioggia, ma destinati laddove si lavora per il pazienti. Servono insomma piu' Santa Lucia, per fare in modo che ci siano piu' centri come questi nel centro Sud Italia".

La Fondazione Santa Lucia e' una "presenza di eccellenza della citta' di Roma e del Lazio" anche per l'assessore Visini: "Qui nell'attivita' e nell'impegno quotidiano di quanti operano ad ogni livello per il bene dei pazienti- ha detto- si concentrano tre sfide cruciali del nostro tempo: la ricerca scientifica, la cura e l'inclusione sociale. Tutte sfide che s'intrecciano tra di loro, perche' tutte hanno al centro il valore irrinunciabile della persona umana e della sua dignita'". Secondo Visini, pero', ci sono ancora "troppe barriere sia architettoniche sia fisiche- ha sottolineato- che si frappongono fra molti cittadini e la piena esigibilita' dei loro diritti. Come istituzioni, quindi, noi dobbiamo impegnarci sempre piu' per costruire un sistema di assistenza armonico ed efficiente in grado di rivolgersi alle persone nell'interezza e nella complessita' dei loro bisogni e non ad un'indistinta utenza".

Presente all'evento anche il direttore generale della Fondazione Santa Lucia, Luigi Amadio. "In questa giornata speciale- ha detto- si uniscono idealmente i contributi di tante persone che in sessant'anni della nostra storia hanno reso possibile quello che oggi siamo: ricerca, assistenza sanitaria, didattica e sport. In questi settori la nostra Fondazione ha sempre operato con un obiettivo chiaro: essere un bene comune al servizio della collettivita'. La riabilitazione- ha sottolineato- rappresenta una sfida importante per la scienza e per un moderno sistema sanitario. È una riabilitazione complessa, altamente specializzata. Una riabilitazione che tratta deficit motori e cognitivi, che interessa pazienti molto gravi come le persone ricoverate presso la nostra unita' post-coma".

Ha concluso Amadio: "La fondazione Santa Lucia, pero', non e' solo un ospedale, un centro di ricerca, un polo didattico o una squadra di sportivi. La Fondazione Santa Lucia, innanzitutto, e' un mondo senza barriere nel quale persone in carrozzina e persone normodotate vivono e lavorano insieme". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale