9 gennaio 2015 ore: 16:41
Società

Scuola, Giannini: plurilinguismo valore della 'buona scuola'

Il Ministro alla Pubblica Istruzione Stefania Giannini e' giunta stamattina in veste istituzionale a Gorizia, dove ha fatto visita al Polo liceale "Dante Alighieri", all'ISIS - Istituto Tecnico di Istruzione Secondaria Superiore "G.D'Annunzio...

Roma - Il ministro alla Pubblica Istruzione Stefania Giannini e' giunta stamattina in veste istituzionale a Gorizia, dove ha fatto visita al Polo liceale "Dante Alighieri", all'ISIS - Istituto Tecnico di Istruzione Secondaria Superiore "G.D'Annunzio - M. Fabiani" e alla sede dell'Universita'. In rappresentanza della Regione era presente l'assessore all'Edilizia scolastica e Universita', Mariagrazia Santoro, che ha portato i saluti della presidente Debora Serracchiani e dell'intera Giunta regionale. Nel corso dell'incontro negli Istituti superiori il ministro si e' soffermato sui temi centrali della riforma dell'Istruzione, annunciando che la fase di consultazione sulla "buona scuola" si tradurra' in una proposta di legge che verra' presentata al Parlamento entro la fine di febbraio.

Il ministro ha indicato nel potenziamento dell'insegnamento linguistico "uno degli aspetti che sara' valorizzato nella riforma, perche' trascurato da troppo tempo in Italia". Secondo il ministro "l'insegnamento di almeno una lingua straniera deve divenire una pratica diffusa e il bilinguismo un'esperienza per tutti gli studenti italiani. Il plurilinguismo e' un valore aggiunto per la formazione del futuro e in questa area del Paese e' gia' un fattore naturale ed un elemento di ricchezza e di contatto tra culture".  Giannini ha inoltre annunciato lo stanziamento di fondi aggiuntivi per il funzionamento delle scuole, che si tradurranno in circa 8 mila euro in piu' all'anno per ciascun istituto scolastico.

Quanto all'edilizia scolastica, il ministro Giannini ha confermato che la scelta di partire dal risanamento e dalla messa in sicurezza delle scuole e' la risposta ad una strategia di valorizzazione dell'intero sistema scolastico. Il Governo, ha assicurato Giannini, terra' alto l'impegno sull'edilizia scolastica (ad oggi i progetti cantierati ammontano ad 1 miliardo e 500 milioni ed andranno oltre nel corso del presente esercizio finanziario, grazie al recupero di una parte di fondi dal patto di stabilita'); su questo aspetto l'assessore regionale ai Lavori Pubblici del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, ha ribadito che "la Regione e' pronta. Con il 30 ottobre abbiamo terminato la ricognizione delle priorita' triennali di tutti gli enti locali e stiamo approntando una graduatoria in base alle esigenze piu' rilevanti che sono la sicurezza statica, l'efficientamento energetico e la razionalizzazione degli edifici, troppo spesso inadeguati alle attuali esigenze e al contenimento dei consumi energetici".

"Ricordo - ha aggiunto Santoro - che lo scorso anno siamo stati la prima regione ad appaltare entro i termini tutti gli interventi finanziati con il Decreto del Fare. Abbiamo inoltre aderito all'anagrafe scolastica e stiamo completando, con risorse aggiuntive, la rete di banda larga a favore degli istituti scolastici ed universitari".

Nel corso della visita agli Istituti scolastici il ministro Giannini ha incontrato gli studenti, che hanno presentato alcuni dei progetti didattici piu' significativi realizzati anche in collaborazione con imprese del tessuto economico locale. E' cosi' che il ministro Giannini e l'assessore Santoro hanno potuto brindare al nuovo anno con lo spumante "Emopoli" frutto della collaborazione tra l'ISIS "D'annunzio" e l'azienda "Angoris" per la realizzazione di uno spumante metodo classico che unisce il vitigno internazionale chardonnay con l'autoctona ribolla gialla. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news