17 novembre 2016 ore: 13:28
Società

Scuola, Giulia Biazzo (Uds): "Dal governo briciole a chi esige diritti"

Dopo aver atteso non sono stati ricevuti da alcun rappresentante del ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca gli studenti che oggi hanno sfilato in piazza per il no al referendum e contro l'alternanza scuola-lavoro...

Roma - Dopo aver atteso non sono stati ricevuti da alcun rappresentante del ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca gli studenti che oggi hanno sfilato in piazza per il no al referendum e contro l'alternanza scuola-lavoro.

"Oggi, nella giornata dello studente, siamo stati nelle piazze di tutta Italia - dichiara a diregiovani.it Giulia Biazzo dell'esecutivo nazionale dell'Uds- Abbiamo chiamato questa mobilitazione 'Change is NOw' perche' secondo noi il vero cambiamento e' votare no al referendum. Votare no alla riforma costituzionale significa anche difendere il diritto allo studio. Ripudiamo il nuovo testo di legge di stabilita' 2017 che lascia briciole a chi esige diritti. Ci sono degli interventi spot tanto sull'alternanza quanto sull'edilizia che in realta' non qualificano realmente e non danno risposte concrete ad esempio alla rivendicazione ventennale di una legge nazionale sul diritto allo studio. Vogliamo che realmente le scuole pubbliche e la cultura in generale siano aperte a tutti".

Oggi in circa duemila hanno sfilato tra piazzale Ostiense e viale Trastevere. E domani e' previsto un nuovo corteo degli studenti autorganizzati. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news