15 ottobre 2014 ore: 17:11
Disabilità

Scuola, il sostegno resta “diseguale” da regione a regione: “Violata la legge”

Alcune regioni hanno troppi posti in organico di diritto rispetto alla media nazionale e altre ne hanno troppo pochi. Tuttoscuola analizza i dati della stabilizzazione dei posti di sostegno: “Legge non applicata, la perequazione è un fallimento”
Insegnate sostegno e alunno, scuola

ROMA – Aumenta, con le nuove assunzioni attuate dal ministero, il numero degli insegnanti di sostegno in organico di diritto: non c’è equità però fra le regioni e alcune ne hanno avuti stabilizzati troppi e altre troppo pochi. Una diversità che è un dato storico ma che da quest’anno è anche una violazione della legge, che imponeva proprio a partire dall’anno scolastico 2014/15 di ripartire in modo equo fra le regioni i posti in organico di diritto. Cosa che, denuncia ora un dossier di Tuttoscuola, non è avvenuta, lasciando in essere le grandi differenze regionali, che sono sì state ridotte rispetto al passato ma che ciò nonostante sussistono ancora. E certificano il fallimento della politica dei “piccoli passi” attuata dal ministero e del tentativo di arrivata ad una perequazione del sostegno.

I posti in organico di diritto sono quelli assegnati di norma ad un docente titolare di ruolo, obbligato a prestarvi servizio per almeno cinque anni favorendo così la continuità didattica a favore degli alunni disabili. Da anni è in corso un piano di stabilizzazione dei docenti, che ha portato all’assunzione – ad oggi – di 80 mila docenti su un totale di 110 mila impegnati nel sostegno. Secondo Tuttoscuola, nel passato anno scolastico 2013/14 il tasso di stabilizzazione medio nazionale dei docenti di sostegno era pari al 61,51%, con regioni ampiamente al di sopra della media (la Basilicata addirittura di venti punti percentuali) e altri sotto la media. Dall'83% della Basilicata si scendeva fino al 47% del Molise, con Campania, Sardegna, Calabria, Sicilia, Puglia, Friuli e Liguria sopra la media e le altre sotto la media. Le nuove assunzioni di quest'anno hanno modificato molto poco la situazione: è vero che le regioni più svantaggiate hanno avuto incrementi superiori al 10% contro quelli molto più contenuti delle altre regioni, ma la politica "dei piccoli passi" non ha certo invertito la situazione complessiva.

La legge 128/2013 imponeva che a partire "dall'anno scolastico 2014/2015 il riparto è assicurato equamente a livello regionale, in modo da determinare una situazione di organico di diritto dei posti di sostegno percentualmente uguale nei territori”. Rispetto ai valori dell’organico di fatto 2013-14 che complessivamente a livello nazionale hanno raggiunto i 110.216 posti, gli 80.871 posti definiti come quota in organico di diritto per il 2014-15 rappresentano il 73,38%. Tale percentuale del 73,38% avrebbe dovuto costituire, quindi, l’indice generale di equa stabilizzazione dei posti di sostegno a livello regionale. In ogni regione i posti di sostegno stabilizzati in organico di diritto dovevano essere calcolati, dunque, in base al 73,38% di tutti posti di sostegno attivati. Invece la situazione è ancora una volta molto varia.  La Basilicata è al 84%, Sardegna e Campania al 79%, Calabria e Sicilia al 78%, Puglia al 76%, Friuli al 75%, Liguria al 73,8%. Tutte sopra la media del 73,38%. Sotto tale soglia ci sono Abruzzo e Piemonte (72%), Toscana (71%), Emilia Romagna (70%), Umbria e Veneto (69%), Marche e Lazio (68%), Lombardia e Molise (67%).

Le differenze finali sono meno marcate di quelle dell'anno scorso, è vero, ma Tuttoscuola ribadisce che per quest'anno la legge imponeva un riparto equo a livello regionale. Cosa che non c'è stata. Calcolando il numero di posti di sostegno, otto regioni – scrive Tuttoscuola - hanno avuto illegittimamente più posti di quelli dovuti: la Campania (887 posti in più), la Sicilia (621), la Puglia (322), la Calabria (225), la Sardegna (190), la Basilicata (122), il Friuli Venezia Giulia (28) e la Liguria (12). Si tratta di 2.406 posti sottratti alle altre dieci regioni. Le dieci regioni cui illegittimamente non sono stati assegnati i posti in organico di diritto sono: la Lombardia (926 in meno), il Lazio (642), il Veneto (280), l’Emilia Romagna (185), le Marche (136), la Toscana (87), l’Umbria (54), il Molise (49), il Piemonte (35) e l’Abruzzo (11).

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news