23 novembre 2017 ore: 15:37
Disabilità

Scuola, Roma: approvato il regolamento per l'assistenza agli alunni disabili

Ore di assistenza assegnate individualmente ai singoli alunni, servizio piu' uniforme a livello qualitativo e quantitativo in tutta la citta', un sistema di monitoraggio con un inasprimento delle sanzioni per chi non rispetta le regole ...

Roma - Ore di assistenza assegnate individualmente ai singoli alunni, servizio piu' uniforme a livello qualitativo e quantitativo in tutta la citta', un sistema di monitoraggio con un inasprimento delle sanzioni per chi non rispetta le regole contrattuali, precisi requisiti curricolari per gli operatori, il cui acronimo da Aec, assistente educativo culturale, si trasforma in Oepa, operatore educativo per l'autonomia scolastica. L'Assemblea capitolina ha approvato con 25 voti favorevoli (M5S) e 3 astenuti (Forza Italia e Fdi, mentre il Pd non ha partecipato al voto) la proposta di delibera 101/2017 a prima firma del consigliere del M5S, Nello Angelucci che prevede l'adozione del regolamento di Roma Capitale per il servizio di assistenza per l'autonomia e la comunicazione degli alunni con disabilita'.

L'obiettivo di questa delibera, ha spiegato Angelucci, "e' quello di garantire agli alunni con disabilita' la centralita' che gli spetta nel sistema scolastico, contribuendo al pieno rispetto del loro diritto costituzionale all'istruzione. Mettendo ordine nell'ambito delle norme comunali e uniformando i livelli quantitativi e qualitativi del servizio educativo per l'autonomia, questa delibera propone per la prima volta a Roma un regolamento che disciplini il ruolo degli operatori cosiddetti Aec, che da oggi in poi si chiameranno Oepa: operatori educativi per l'autonomia scolastica. Un cambio di acronimo che- ha spiegato il consigliere- non e' solo forma ma anche sostanza. Questa delibera arriva in Aula dopo un percorso molto articolato e partecipato da tutti gli attori, come le famiglie, le consulte per la disabilita' e i dipartimenti: e' un regolamento che recepisce una serie di osservazioni emerse in questo percorso che hanno contribuito a migliorarlo, ed e' incardinato su alcuni principi fondamentali".

Il primo criterio, ha sottolineato il primo firmatario della delibera, "e' riportare l'alunno con disabilita' al centro del servizio, e nel regolamento abbiamo stabilito che le ore di servizio vengano assegnate in maniera individuale all'alunno attraverso il conferimento alla scuola, che dovra' organizzare il servizio. Altro principio importante che negli anni a Roma e' andato sfumandosi e' l'uniformita' del servizio sia per l'assegnazione delle ore sia per le caratteristiche del servizio stesso: in alcuni Municipi 5 o 6 ore di media a ragazzo, in altri 20-25, una situazione che va resettata con urgenza e noi lo abbiamo gia' cominciato a fare". Il regolamento, ha sottolineato Angelucci, "va ad articolare anche il processo con cui i Municipi attraverso il dipartimento formula le esigenze qualitative e quantitative per una equa distribuzione delle risorse. Con questa delibera prevediamo che i servizi e il coordinamento rientrino nel portafoglio di attivita' del dipartimento delle Politiche educative. Anche le modalita' di selezione dell'organismo verranno accentrate per uniformarle su tutto il territorio". Inoltre "abbiamo previsto un sistema di monitoraggio e controllo, insieme anche alle famiglie per avere un loro feedback e migliorare il servizio, e un sistema sanzionatorio per le inadempienze contrattuali che sara' proporzionale e progressivo per evitare la convenienza all'infrangere le regole".

Con questo regolamento, ha concluso Angelucci, "nonostante le competenze dell'amministrazione locale siano limitate, vogliamo enfatizzare il ruolo degli operatori e valorizzarli puntando sulle loro professionalita', per questo abbiamo definito anche dei requisiti curricolari per i lavoratori che si apprestano a questa sfida. Questo regolamento e' un tassello delle misure che vogliamo portare affinche' l'inclusione sociale non sia piu' soltanto un'espressione formale ma diventi una realta' di questa citta'". (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news