26 marzo 2013 ore: 15:47
Famiglia

Sempre più giovani scelgono la terra: crescono le iscrizioni alle facoltà di agraria

In 4 anni matricole raddoppiate a Milano: oggi sono 999, nel 2008 erano 528. Un fenomeno che si riscontra anche a Padova (565 nuovi iscritti rispetto ai 453 del 2008) e a Torino (618 contro 367). Oggi a Milano l'assemblea di Coldiretti giovani impresa
Giovane in un orto, agricoltura solidale - agritorino

MILANO - Nel giro di quattro anni le matricole alla facoltà di agraria di Milano sono raddoppiate: oggi sono 999, nel 2008 erano 528. Con un tocco femminile in più: le aspiranti contadine sono il 40%. Un fenomeno che si riscontra anche a Padova (565 nuovi iscritti rispetto ai 453 del 2008) e a Torino (618 contro 367). In tempo di crisi la terra e la vita in campagna attirano sempre più giovani. Oggi a Milano al teatro Manzoni si tiene l'assemblea di Coldiretti giovani impresa, dedicata al tema "Coltiviamo la crescita, il Paese che vogliamo". Quasi mille giovani imprenditori agricoli sono arrivati nel capoluogo lombardo da tutto il nord Italia, dove le aziende gestite da under 40 sono 31 mila su un totale di 300 mila. E i laureati sono, secondo un'indagine condotta da Coldiretti, il 15%, mentre il 68% ha un diploma di scuola media superiore. Non c'è da stupirsi, visto che sono sempre di più coloro che si iscrivono alla laurea magistrale: 244 a Milano (erano 113 nel 2008) e il 55% sono donne.
 
Si torna alla terra anche per passione: dice che è la motivazione principale il 36% dei giovani agricoltori del nord Italia. Il 26% ha invece portato avanti l'azienda di famiglia e per il 27% sono entrambi questi due fattori ad aver influito in questa scelta che non è solo professionale ma anche di vita.
 
Il teatro Manzoni di Milano questo pomeriggio è affollato anche dagli studenti delle scuole superiori. Nell'anno scolastico 2012/2013 del resto si è registrato un incremento del 29% delle iscrizioni negli istituti professionali agricoli e del 13% negli istituti tecnici di agraria, agroalimentare ed agroindustria. (dp)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news