6 marzo 2014 ore: 12:55
Economia

Senza dimora, da 8 anni a Catania studenti in strada per aiutarli

Ogni lunedì sera un gruppo di studenti del liceo Don Bosco scende in strada con un loro insegnante per aiutare homeless, immigrati e famiglie in difficoltà. Il prof. Pappalardo: ''I giovani non sono tutti uguali ma tanto dipende da noi. La scuola può avere un ruolo educativo importante''
Ferdinando Scianna/Magnum/Contrasto Senza dimora dorme accovacciato su una panchina

Senza dimora dorme accovacciato su una panchina

bxPALERMO - Da 8 anni alcuni studenti del liceo salesiano classico e scientifico "Don Bosco" di Catania escono la sera una volta alla settimana con due insegnanti per conoscere e aiutare gli homeless che vivono per le strade di Catania. A raccontare questa esperienza è il prof. Marco Pappalardo, sollecitato dalla vicenda accaduta a Napoli dove invece alcuni giovani, in occasione del carnevale, si sono mascherati da clochard, partecipando proprio ad una festa a tema. Sono due facce di una stessa medaglia, rappresentative di quanto può essere eterogeneo e variegato il mondo dei giovani. Se nella città partenopea infatti l’ultima moda dei ragazzi della ‘città ricca’ è il travestimento da senza fissa dimora, basta spostarsi in Sicilia, nella cittadina etnea, per apprendere che invece gruppi di giovani, la sera fino a notte inoltrata, con la guida dei docenti, imparano a conoscere chi vive in strada cercando di assisterli.

“Diversamente da quello che ho appreso sia avvenuto a Napoli – dice il prof. Pappalardo - da diversi anni insieme ai nostri ragazzi portiamo avanti una forte esperienza di solidarietà a favore degli homeless di Catania. I giovani non sono tutti uguali ma tanto dipende da noi. Forse, anche in questo caso, sarebbe bello sentire cosa ne pensano gli studiosi...chissà da non riuscire a stupirli!”. “Io insegno in una di quelle scuole che potrebbero essere definite d'élite. Da 8 anni ogni lunedì sera, in barba al Grande Fratello, dalle 21,30 a mezzanotte (in qualunque stagione e anche durante le vacanze estive e natalizie), insieme a gruppetti di studenti incontriamo e serviamo i senza dimora – dice il docente -, gli immigrati e le famiglie in difficoltà della nostra città. Generalmente portiamo loro del cibo che qualche bar ci dona e del tè ma anche coperte”.

“Durante tutto l’anno scolastico i ragazzi impegnati in questo tipo di servizio arrivano a più di  60. Molte di queste persone che vivono in strada ci conoscono da tempo e lo stile che assumiamo è quello di chiedere prima ciò di cui hanno bisogno. A volte non hanno bisogno soltanto di generi di prima necessità ma può essere importante anche scambiare qualche parola”.

Secondo il docente i giovani, nel corso del tempo, hanno risposto molto positivamente a questo tipo di esperienza sociale. “I ragazzi fanno a gara per essere di turno il lunedì (noi ne portiamo tre alla volta perché l'esperienza sia significativa) e gli ex-allievi, quando tornano per le vacanze in Sicilia, chiedono di poter essere dei nostri come ai tempi della scuola. I giovani hanno risposto in maniera più che positiva perchè non è un servizio che a loro pesa e l’indomani sono regolarmente a scuola.  In questo modo li aiutiamo a  comprendere il valore dell’essenzialità, l’importanza del sapere dire grazie e il valore del donarsi. La scuola, in questo modo, può avere davvero un ruolo educativo importante di preparazione alla vita che li porta ad allontanare le paure e a conoscere le diverse povertà sociali”.

Anche le famiglie hanno gradito questo servizio di solidarietà e alcune di loro si sono spese e si spendono tuttora in vario modo per le povertà cittadine. “Le famiglie sono contente e desiderano che i figli possano continuare questa esperienza. Siamo riusciti a coinvolgere direttamente anche alcuni genitori che hanno partecipato con i loro figli – continua il prof. Pappalardo – mentre altri si sono messi a servizio gratuito come medici e avvocati e altri ancora, annualmente, offrono una quota spontanea per le necessità che spesso si presentano oppure fanno la spesa periodicamente per alcune delle famiglie che seguiamo”. I ragazzi del liceo sono, inoltre, coinvolti in altre esperienze di solidarietà sociale. “I nostri alunni da anni si impegnano per il doposcuola in alcuni quartieri a rischio – aggiunge ancora il prof. Pappalardo - per la colletta alimentare, per l'animazione di attività sportive e ricreative negli oratori e i maggiorenni, insieme a genitori e docenti, per la donazione del sangue. (set)

© Copyright Redattore Sociale