23 gennaio 2020 ore: 14:52
Economia

Senza dimora, Progetto Arca potenzia le unità di strada a Milano, Roma e Napoli

di Dario Paladini
Dopo la morte dei due persone a Milano, la decisione di aumentare l'impegno con i volontari che portano coperte, indumenti, cibo e bevande calde. Lanciata la campagna "Si muore di freddo, non essere freddo" con una raccolta fondi
senza dimora locandina progetto Arca Milano

MILANO - Tra dicembre e gennaio sono morti due senza dimora a Milano. Progetto Arca ha quindi deciso di potenziare le sue Unità di strada, che portano pasti e bevande calde, coperte e indumenti invernali ai senzatetto non solo di Milano, ma anche di Roma e Napoli. I volontari offrono inoltre conforto e indicazioni utili per dormire al riparo a chiunque incontrino in difficoltà: un aiuto importante anche per tenere costantemente monitorata la situazione in strada. A Milano, in particolare, all’Unità di Strada che esce quattro giorni a settimana in diverse zone della città, si aggiungono anche i servizi di Unità mobili diurne di monitoraggio in zone sensibili (nei pressi delle stazioni e degli ospedali) e di Unità mobili dedicate alle emergenze attive H24 su segnalazione dei cittadini stessi, fondamentali per intercettare casi gravi di degrado.

Per sostenere il potenziamento delle Unità di strada, Progetto Arca, onlus che da 25 anni aiuta le persone in stato di grave emarginazione, lancia la campagna "Si muore di freddo, non essere freddo": fino al 9 febbraio 2020 è possibile per tutti contribuire con un sms o una telefonata da fisso al numero solidale 45582. Alberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca, fa un appello: “Grazie di cuore a chi osserverà la strada segnalandoci le persone in difficoltà che possono aver bisogno del nostro intervento; grazie a chi si interesserà ai nostri servizi di assistenza e di accoglienza, magari con l’idea di entrare a far parte della bella squadra di nostri volontari; e grazie a chi vorrà sostenere le nostre attività invernali dedicate alle persone senza dimora inviando un sms".

© Copyright Redattore Sociale