24 ottobre 2013 ore: 17:58
Disabilità

Sla, Binetti: ''Dolore per morte di Pennacchio''

"Siamo tutti vicini alla Famiglia Pennacchio, l'evento drammatico che si e' consumato ieri mostra quanto debba essere intensa, continua e tempestiva l'assistenza da offrire alle persone che versano in condizioni di grave disabilità''

Roma - "Siamo tutti vicini alla Famiglia Pennacchio, l'evento drammatico che si e' consumato ieri mostra quanto debba essere intensa, continua e tempestiva l'assistenza da offrire alle persone che versano in condizioni di grave disabilita'. E' necessario che le risorse per la disabilita' non siano sottoposte a tagli che ne riducano l'efficacia sul piano socio-sanitario. Occorre parlare di livelli essenziali di assistenza socio-sanitaria e sono questi che debbono essere contemplati nella giusta misura anche nel prossimo Decreto Stabilita'". Lo afferma Paola Binetti (Udc/Sc).

"Allo stesso tempo- aggiunge- diciamo un no convinto ad una categorizzazione della disabilita' che favorisca gli uni piuttosto che gli altri sulla base dell'abilita' politica di negoziazione o sulla base della rappresentazione mediatica del disagio. Tutti hanno diritto, in un clima di pari opportunita', ad essere presi in carico, ad essere ascoltati sulla base dei bisogni reali ed e' questa attenzione alla giustizia sociale nei loro confronti che deve orientare le scelte politiche. - Continua l'esponente centrista. - Per questo e' necessario che le scelte vengano fatte sulla base delle loro esigenze, tenendo conto dei dati obiettivi che la ricerca scientifica mette a disposizione del decisore politico".

Conclude il deputato: "Non si possono sciupare risorse in tempi di crisi economica. Mentre chiediamo con urgenza che venga ripristinato e finanziato adeguatamente il fondo per la non autosufficienza, chiediamo anche un controllo sereno ed esigente sulla destinazione dei fondi e sulla loro effettiva capacita' di giungere alle persone i cui bisogni sono documentati per progetti concreti e personalizzati di presa in carico. Anche a questo deve aiutarci la testimonianza di Raffaele Pennacchio, che ha manifestato e ha pagato con la vita".

(DIRE)

© Copyright Redattore Sociale