5 febbraio 2024 ore: 14:37
Società

Spreco alimentare. Croce rossa: “Sui territori richieste di aiuto crescenti”

Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare. Coinvolte oltre 35 aziende del settore in un progetto pilota. "In crescita le richieste di assistenza alimentare rivolte ai Volontari da parte di famiglie, anziani e persone in difficoltà economico sociale”
spreco alimentare cri
ROMA - "Non buttiamola via", sì alla Terra, no allo spreco alimentare. È questo il messaggio della Croce Rossa Italiana in occasione della Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, per una campagna sostenuta dal Ministero dell'Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, da Regusto e da Cia-Agricoltori Italiani, che ha coinvolto in via sperimentale alcuni Comitati territoriali della Croce Rossa Italiana.
 
"Le richieste di assistenza alimentare rivolte ai Volontari della Croce Rossa Italiana sui territori da parte di famiglie, anziani, persone in difficoltà economico sociale sono crescenti - dice il Presidente della Croce Rossa Italiana, Rosario Valastro -. Questo progetto pilota, che ha visto il coinvolgimento di oltre 35 aziende del settore agroalimentare, produttori e negozianti, nel recupero dei prodotti invenduti, distribuendoli a chi ha bisogno, ha dato un contributo importante al potenziamento e al sostegno di quella rete territoriale che va incontro alle numerose necessità di carattere sociale. Dire no allo spreco alimentare significa molte cose ma per la Croce Rossa Italiana significa soprattutto dire sì al contrasto della povertà e a fare qualcosa di importante per il pianeta Terra".
 
La campagna antispreco, spiega una nota della Croce Rossa Italiana, è solo un tassello di un mosaico che vede i Volontari impegnati nel recupero di eccedenze e nella distribuzione di beni alimentari alle persone in difficoltà.
 
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news