13 dicembre 2014 ore: 15:51
Economia

Stabilità, 80 emendamenti dal governo. Più soldi per l'assunzione dei disabili

Dall'esecutivo pioggia di emendamenti al testo in discussione alla Commissione Bilancio del Senato. Venti milioni per l'inserimento lavorativo dei disabili, 50 milioni per i lavoratori esposti all'amianto. Niente rincari per Imu e Tasi
Aula Senato

ROMA - Il Governo ha presentato circa 80 emendamenti alla legge di stabilità in discussione alla Commissione Bilancio del Senato. Una intensa attività correttiva che, secondo le opposizioni, rischia di far riscrivere praticamente da capo il testo. Un aspetto evidenziato per esempio da Sel. il cui capogruppo in Commissione Bilancio, Luciano Uras, ha affermato: "Siamo in attesa di conoscerne il contenuto per capire se sono state o meno accolte le giuste istanze proposte dai lavoratori nel corso delle lotte di questi mesi che hanno portato allo sciopero generale di ieri proclamato dalla Cgil e dalla Uil". Ecco alcuni degli emendamenti presentati.

Disabilità e lavoro. Venti milioni di euro per l'assunzione delle persone disabili.

Lavoratori esposti all'amianto. Cinquanta milioni sono stati poi stanziati a favore dei lavoratori esposti all'amianto, in particolare per gli stabilimenti di Avellino, Casale Monferrato e Bagnoli. 

Niente rincari per Imu e Tasi. Nel 2015 le aliquote di Imu e Tasi dovranno restare invariate. A prevederlo è un ulteriore emendamento, che in sostanza proroga quanto stabilito nella manovra dello scorso anno. Il tetto del 2,5 per mille stabilito per la Tasi sulla prima casa, infatti, vale solo per il 2014, mentre il prossimo anno l'aliquota sarebbe potuta arrivare fino al 6 per mille.

Canone Rai bloccato e tagli alla difesa. Anche il canone Rai non aumenterà nel 2015, mentre sono in arrivo 200 milioni di euro per finanziare i progetti aerospaziali. In quest'ultimo caso le risorse saranno reperite attraverso una riduzione del taglio al ministero della Difesa.  
Da ricordare, inoltre, che il Consiglio dei ministri di ieri ha autorizzato "una spesa di 64,1 milioni di euro per l'assegnazione al ministro dell'Istruzione, dell'università e della ricerca dei fondi per il pagamento delle supplenze brevi per l'anno 2014 prevedendo al contempo un monitoraggio per questo tipo di supplenze".

La risposta di Forza Italia. Flat Tax, estensione del bonus di 80 euro a pensionati ed autonomi, detassazione per 6 mesi delle transazioni immobiliari, incremento delle pensioni minime a 1.000 euro: questa la risposta di Forza Italia alla legge di Stabilità del governo Renzi. "L'ennesima finanziaria, tutta tasse e freni allo sviluppo, a cui ci hanno abituato i governi non eletti dai cittadini", ha affermato il partito di Berlusconi.
La legge di Stabilità, in discussione in queste ore al Senato, soggetta a richieste di modifica dal governo stesso, per Forza Italia è infatti "ben lontana dai tanti annunci di Renzi sulla riduzione della tassazione su cittadini e imprese e non presenta alcuna misura per invertire la recessione e dare impulso allo sviluppo".
In una nota congiunta, il presidente e il vicepresidente vicario dei senatori di Forza Italia, Paolo Romani e Anna Maria Bernini, e i senatori Cinzia Bonfrisco, Remigio Ceroni, Antonio d'Alì e Andrea Mandelli, membri della commissione Bilancio che sta esaminando la legge di Stabilità 2015, criticano la manovra e propongono una vera e propria contro-legge di Stabilità che "potrebbe sì dare sostegno alla crescita e su cui ci batteremo consapevoli che il governo vorrà tacere ogni discussione ponendo la trentatreesima fiducia. Una fiducia che Forza Italia non potrà dare a questa legge e alla politica economica di questo governo".

© Copyright Redattore Sociale