27 settembre 2022 ore: 17:51
Non profit

Terzo settore, in Lombardia approvato lo schema di accordo regione-ministero per il sostegno alle attività

La dotazione finanziaria ammonta a 9.609.600 euro totali, ripartiti in 3.459.456 euro per il 2022, 2.946.944 euro per il 2023 e 3.203.200 euro per il 2024. L’assessore Locatelli: “Il ruolo attivo del terzo settore è strategico per affrontare le nuove sfide che il mutato contesto sociale ed economico ha evidenziato, ma è anche una risorsa per sviluppare nuove modalità di programmazione degli interventi sul territorio”

MILANO - La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessorato a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, ha approvato la delibera relativa allo schema di accordo di programma con il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per il sostegno allo svolgimento di attività di interesse generale da parte di organizzazioni di volontariato, di associazioni di promozione sociale e di fondazioni del Terzo settore.
La dotazione finanziaria ammonta a 9.609.600 euro totali, ripartiti in 3.459.456 euro per il 2022, 2.946.944 euro per il 2023 e 3.203.200 euro per il 2024.

"Con l'approvazione di questa delibera - ha dichiarato l'assessore regionale, Alessandra Locatelli - Regione Lombardia conferma il suo sostegno concreto alle tante realtà del Terzo settore che operano sul territorio e che, anche durante la fase più dura dell'emergenza pandemica, lavorando in sinergia con le istituzioni, hanno svolto un ruolo decisivo per far fronte alle molteplici esigenze di natura sociale e sociosanitaria".

"Il ruolo attivo del terzo settore - ha aggiunto l'assessore - è strategico per affrontare le nuove sfide che il mutato contesto sociale ed economico ha evidenziato, ma è anche un'opportunità e una risorsa per sviluppare nuove modalità di programmazione degli interventi sul territorio. Con lo stanziamento di queste risorse sarà possibile sostenere progetti che possano integrarsi con la programmazione regionale e con le iniziative in corso sul territorio ed essere capaci di produrre risultati di miglioramento concreti e duraturi nel quadro della strategia regionale di sviluppo sostenibile".

Gli interventi programmati dovranno perseguire gli obiettivi individuati nell'Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile e che riguardano, per citarne alcuni, il contrasto alla povertà, la promozione di un'agricoltura sostenibile, salute e benessere, un'educazione di qualità, equa ed inclusiva, il raggiungimento dell'uguaglianza di genere e l'empowerment di tutte le donne e le ragazze e un'occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news