1 ottobre 2020 ore: 14:56
Economia

Torna Fa' la cosa giusta!, segnale di fiducia

Dopo la sospensione dell'edizione di primavera causa covid, la fiera nazionale del consumo critico si terrà a fine novembre. Anticipata da un programma culturale on line. Tre i filoni principali: “Ripartire dai territori”, “Ecosistemi e innovazione”, “Covid-19 come rileggere la società”. 
falacosagiusta 2020

MILANO – È un'iniezione di fiducia: centinaia di aziende, istituzioni e associazioni porteranno negli spazi di fieramilanocity le loro proposte di servizi, prodotti e tecnologie per coniugare gusto e sostenibilità, moda ed etica, turismo e tutela delle specificità dei territori, innovazione e cultura, bellezza e partecipazione. Dal 27 al 29 novembre 2020, torna Fa’ la cosa giusta!, fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili organizzata da Terre di mezzo Editore, negli storici padiglioni di fieramilanocity. Un'edizione speciale, per via delle date (di solito l’appuntamento è in primavera, ma quest'anno è saltata causa covid-19), per le grandi misure di sicurezza adottate; ma soprattutto per il segnale di fiducia che può dare in questo periodo di pandemia e di crisi sociale ed economica.

“Abbiamo avuto dai nostri espositori un grande incoraggiamento per questa edizione speciale e siamo convinti di poter realizzare un evento in grande sicurezza - dichiara Miriam Giovanzana, direttore editoriale di Terre di mezzo che organizza la manifestazione-. È il nostro modo per contribuire a una transizione verso un mondo più sostenibile ed equo per tutti.”

Con Fa’ la cosa giusta! l’economia riparte da un nuovo modo di produrre e di consumare che tiene conto dei legami sociali, dell’ambiente, della responsabilità verso le generazioni future. Gli spazi espositivi e quelli dedicati al pubblico sono stati riprogettati per garantire il distanziamento interpersonale ed evitare ogni rischio di assembramento. Nel rispetto di tutti, saranno obbligatori l’utilizzo della mascherina, il controllo della temperatura corporea e la pre registrazione per i visitatori.

Le misure di sicurezza hanno spinto a ripensare anche il programma di incontri, laboratori e appuntamenti che da sempre affianca lo spazio espositivo di Fa’ la cosa giusta!. Quest’anno il programma culturale anticiperà la manifestazione e andrà in scena in versione digitale dal 20 al 29 novembre: dieci giorni di approfondimenti, incontri e webinar, per raccontare il presente e confrontarsi sulle scelte per costruire il futuro. Tre i filoni principali: “Ripartire dai territori - Walk and live, Slower deeper”, per parlare di territori, marginali e non solo, ricchi di patrimoni inestimabili e capaci di riattivare economie, risvegliare il turismo dolce, sostenere comunità e nuovi progetti imprenditoriali; “Ecosistemi e innovazione”: perché è a partire dalla natura e dalla cultura che si realizza un’alleanza virtuosa con la scienza capace di conservare le risorse e trovare strade nuove di sviluppo; “Covid-19: come rileggere la società”, perché non vogliamo ritornare a ciò che eravamo ma fare passi stabili sulla via di una maggiore equità per tutti, con una rilettura del ruolo che ha avuto la comunicazione durante l’emergenza.

Infine, Fa’ la cosa giusta! 2020 ospiterà la terza edizione del salone Sfide. La scuola di tutti, dedicato a insegnanti, dirigenti, studenti e famiglie, con un ricco programma online di incontri, laboratori e seminari che affronteranno i temi legati all’insegnamento, all’innovazione e all’inclusione alla luce dei fatti degli ultimi mesi.

© Copyright Redattore Sociale