22 aprile 2021 ore: 15:57
Società

Toscana, la Costituzione si studia a scuola

La Regione ha promosso e sottoscritto l’intesa con l’Ufficio scolastico regionale, l’Associazione nazionale partigiani d'Italia (Anpi), l’Università degli studi di Firenze, Pisa e Siena

FIERNZE - A lezione di Costituzione: sui banchi di scuola, per conoscerla meglio e approfondirne i valori che esprime, dagli ideali di democrazia, libertà e solidarietà alle pari opportunità, l’inclusione sociale e il pluralismo culturale. E firma del protocollo, non a caso e con un valore simbolico, a ridosso del 25 aprile, festa nazionale della liberazione dal nazifascismo.
La Regione Toscana ha promosso e sottoscritto l’intesa con l’Ufficio scolastico regionale, l’Associazione nazionale partigiani d'Italia (Anpi), l’Università degli studi di Firenze, Pisa e Siena, l’Università per stranieri di Siena, la Normale e il Sant'Anna di Pisa, la Scuola Imt alti studi di Lucca, il Parco nazionale della pace di Sant’Anna di Stazzema, l’Istituto storico toscano e la rete provinciale degli Istituti storici toscani della Resistenza e dell’età contemporanea, la Domus Mazziniana, la Fondazione museo della deportazione e Resistenza di Prato e l’Anci e Upi Toscana in rappresentanza di Comuni e Province.

Il protocollo, presentato stamani, era stato sollecitato dal coordinamento regionale toscano di Anpi ed ha origine dal protocollo nazionale che nel 2014 è stato sottoscritto dal ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca e dall'Associazione dei partigiani, oltre che dal testo siglato a fine 2015, per il comprensorio pisano, dall’Ufficio scolastico provinciale, da Anpi Pisa e dalle Conferenze zonali per l'educazione e l'istruzione del territorio. Tutti i soggetti che hanno sottoscritto questa nuova intesa, ciascuno per le proprie competenze, lavoreranno assieme alla promozione di percorsi a tema di riscoperta dei luoghi della memoria e per divulgare i valori su cui si fonda la Costituzione italiana.

"La nostra Costituzione è un breviario giuridico per il cittadino  - sottolinea il presidente della Toscana, Eugenio Giani - E il cittadino, ogni cittadino, nessuno escluso, è il protagonista della Carta che a me pare ancora fresca, giovanile, almeno nei principi fondamentali, cioè nella prima parte. Gli studenti sono giovani cittadini: quindi ben venga questa importante occasione". "La Costituzione - aggiunge - ha una genesi in quel che accadde 76 anni il 25 aprile 1945 (fine e liberazione dal nazifascismo ndr) e noi vogliamo trasmettere alle nuove generazioni il senso della memoria e quei valori, attualizzandoli, su cui la Carta si fonda e con cui l'Italia si affrancò dal precedente periodo". 

Di fatto sarà realizzato un programma comune per fornire agli studenti e agli insegnanti contenuti di qualità, anche multimediali, ed occasioni di studio, ricerca ed approfondimento, per progettare insieme strumenti didattici e per promuovere attività di scambio e formazione, seminari e conferenze sui metodi della didattica. La Regione e l’Ufficio scolastico regionale offriranno il loro supporto tecnico e logistico, con azioni di impulso, coordinamento e diffusione del protocollo. L’Anpi metterà a disposizione il proprio patrimonio storico, anche attraverso il lavoro dei propri associati. Le Università realizzeranno programmi, materiali, strumenti didattici e attività tramite le loro competenze e professionalità, la Domus Mazziniana collaborerà alla realizzazione delle azioni previste, dalla formazione dei docenti alle attività didattiche, in un’ottica storica interdisciplinare e di educazione alla cittadinanza, gli istituti storici della Resistenza e dell’Età contemporanea lavoreranno, in più, al potenziamento del portale on line Toscana Novecento, sostenuto dalla Regione e già denso di contenuti. Il Parco della Pace intende farsi promotore di un percorso di valorizzazione di una memoria comune toscana, a partire dall’esperienza di Sant’Anna di Stazzema.  Infine Anci si attiverà per coinvolgere le conferenze zonali per l’educazione, mentre Upi coordinerà le Province, assicurando assistenza tecnica.

 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news