30 settembre 2022 ore: 17:47
Società

Uguaglianza di genere, i ministri della giustizia Ue adottano la “Dichiarazione di Dublino”

Trenta Stati membri del Consiglio d'Europa, tra i quali l’Italia, si sono impegnati in una "Dichiarazione di Dublino" che delinea una serie di misure per promuovere l'uguaglianza di genere al fine di aiutare a prevenire la violenza domestica, sessuale e di genere. Ecco gli impegni richiesti
Foto: Agenzia DIRE Bandiere Europa, Ue Unione europea

Trenta Stati membri del Consiglio d'Europa si sono impegnati in una "Dichiarazione di Dublino" che delinea una serie di misure per promuovere l'uguaglianza di genere al fine di aiutare a prevenire la violenza domestica, sessuale e di genere. La dichiarazione è stata adottata da Albania, Andorra, Armenia, Austria, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo , Malta, Repubblica di Moldova, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Norvegia, Portogallo, Romania, San Marino, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ucraina e Regno Unito a seguito di una conferenza di due giorni dei ministri della giustizia organizzata da Presidenza irlandese del Consiglio d'Europa.

Ispirandosi alla Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa sulla violenza contro le donne e ai risultati degli esperti sull'attuazione della Convenzione fino ad ora, afferma appoggiando la dichiarazione impegna a: promuovere attivamente, al più alto livello, una cultura istituzionale e politica che rifiuti la discriminazione e la violenza di genere, il sessismo, gli stereotipi di genere e le dinamiche di potere di genere nel settore pubblico e privato; garantire che le strategie volte a prevenire e combattere la violenza contro le donne affrontino anche il ruolo specifico di uomini e ragazzi nella prevenzione della violenza contro le donne; includere sistematicamente campagne di sensibilizzazione come parte integrante e interamente finanziata dei piani d'azione a lungo termine sulla violenza contro le donne; adottare misure per includere nel curriculum ufficiale, di tutti i livelli di istruzione, materiale didattico su questioni come il principio di uguaglianza tra donne e uomini, ruoli di genere non stereotipati, rispetto reciproco, risoluzione non violenta dei conflitti nelle relazioni interpersonali, genere violenza contro le donne e il diritto all'integrità personale

Ed ancora, la dichiarazione impegna a fornire linee guida per il materiale educativo in questo settore e la formazione di professionisti dell'istruzione, nonché la creazione di piattaforme di conoscenza per condividere le migliori pratiche; incoraggiare la formazione iniziale e continua di tutti i professionisti interessati, anche all'interno del sistema di giustizia penale; adottare tutte le misure possibili per garantire che gli episodi di violenza siano presi in considerazione dai tribunali al momento di decidere in merito alla custodia e ai diritti di visita.

Infine: aumentare la fornitura di programmi per autori di violenza domestica e sessuale che operano secondo gli standard e i principi stabiliti nella Convenzione di Istanbul; chiedere al Consiglio d'Europa di condurre uno studio comparativo negli Stati membri sui modelli esistenti e sugli approcci adottati per i programmi degli autori di reati e i loro risultati; invitare gli Stati che non l'hanno ancora fatto a firmare e ratificare la Convenzione di Istanbul e rafforzare gli sforzi per attuare gli standard legali internazionali esistenti nel settore dell'uguaglianza di genere e della violenza contro le donne.

Ad oggi, 37 Stati membri del Consiglio d'Europa hanno ratificato la Convenzione di Istanbul, consentendone l'entrata in vigore in quei paesi. Armenia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania, Repubblica Slovacca – e Unione Europea nel suo insieme – hanno firmato, ma non ancora ratificato, la Convenzione. L'Azerbaigian non ha ancora firmato la convenzione e Türkiye l'ha denunciata nel marzo 2021.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news