30 dicembre 2014 ore: 10:35
Non profit

Un click per diffondere gli orti urbani e aiutare i "chokora" di Nairobi

Fino al 6 gennaio online la campagna di Fineco che mira a fornire un aiuto concreto per i "bambini spazzatura" di nairobi, che vivono in povertà assoluta. A beneficiare dell'iniziativa, che dura fino al 6 gennaio, saranno le associazioni onlus Amref, Banco Alimentare, Caf e Progetto Itaca
Ragazzi di strada nello slum di Dagoretti a Nairobi

ROMA - Molti di loro sono senza genitori, portati via dall'Aids e dalle guerre, altri li hanno ma ne sono fuggiti via per non subire terribili violenze. Si tratta dei chokora, in lingua Swahili "spazzatura", i bambini di Nairobi che vivono in condizioni di povertà assoluta. A loro è rivolta la campagna #DonaConFineco, con  la quale Fineco Bank vuole fornire un aiuto concreto al progetto Orti Urbani, un intervento di sicurezza alimentare che si inserisce nell'ambito del  programma "Children in Need". A beneficiare dell'iniziativa, che dura fino al 6 gennaio, saranno le associazioni onlus Amref, Banco Alimentare, Caf e Progetto Itaca. Il progetto beneficiario della campagna Fineco è esposto in un video, che illustra nel dettaglio tutti gli interventi.

Andando sul sito https://www.fineco.it/it/public/charity fino al 6 gennaio è possibile contribuire all'iniziativa, aperta sia ai clienti Fineco, che potranno donare attraverso il sito con un semplice bonifico, sia ai non clienti, che potranno effettuare la donazione utilizzando le coordinate di ciascuna associazione riportate nell'area pubblica del sito.

Il progetto Orti Urbani ha come obiettivo la riduzione della povertà e il miglioramento della qualità di vita dei ragazzi di strada nello slum di Dagoretti a Nairobi, in Kenya. L’attivazione di orti e la produzione e distribuzione di quanto prodotto, aiutano ad instaurare un circolo virtuoso in grado di garantire un'alimentazione equilibrata e una formazione alimentare e sanitaria. Le attività agricole, inoltre, contribuiranno alla riduzione dell'insicurezza alimentare e saranno anche parte del percorso di recupero e risocializzazione dei giovani vulnerabili.
Sarà possibile fare una donazione anche attraverso i canali social di FinecoBank.

© Copyright Redattore Sociale