1 aprile 2016 ore: 13:40
Immigrazione

Un gioco di fantascienza per sperimentare la vita dei rifugiati in fuga

Ispirato alla letteratura e della cinematografia di fantascienza, racconta le sfide che si trova davanti chi fugge da una guerra in cerca di asilo in Europa. Lo ha ideato l'autrice danese Regitze Illum e si giocherà per la prima volta in italiano il 2 aprile a Modena, in occasione di “Play - Festival del gioco”
A thousand stars and no home 1
Alcune immagini tratte dal gioco "A thousand stars and no home"
A thousand stars and no home 4

ROMA - La meta sognata per mettersi in salvo si chiama “Cultura” ed è una federazione al centro della galassia, caratterizzata da un elevato benessere e frontiere molto difficili da attraversare. Il mezzo di trasporto è un'astronave “che ha visto giorni migliori”. I pericoli sono meteore e buchi neri, e l'unica speranza di arrivare è affidarsi a trafficanti senza scrupoli. L'ambientazione riprende i topoi della letteratura e della cinematografia di fantascienza, ma nella trama del gioco “A thousand stars and no home”, ideato dall'autrice danese Regitze Illum, è impossibile non riconoscere le sfide che si trova davanti chi fugge da una guerra in cerca di asilo in Europa. Dopo essere andato in scena con successo in Danimarca, dove i giochi di ruolo dal vivo con finalità educative hanno una storia trentennale, il gioco arriverà per la prima volta in Italia, a Modena, sabato 2 aprile alle 18, all'interno dell'ottava edizione di “Play – Festival del gioco” (www.play-modena.it). 

A thousand stars and no home 1


“Ho deciso di creare questo gioco ispirandomi a una storia che avevo letto sul giornale: la vicenda di un profugo in fuga attraverso il Sahara, e poi il Mediterraneo”, racconta l'autrice. “Quando ho cominciato a chiedermi come potevo raffigurare quegli spazi immensi e inospitali, ho avuto l'idea di spostare la narrazione nello spazio”. Regitze Illum, che non è nuova alla creazione di giochi su temi sociali, ha impiegato oltre cinque mesi di lavoro per realizzare le 220 pagine che descrivono ii personaggi, l'ambientazione e il meccanismo di gioco. “Ho cercato un equilibrio tra realismo e intrattenimento – continua Illum - per fare in modo che chi gioca possa provare a comprendere almeno in parte le emozioni di chi è costretto a fuggire. Quando abbiamo presentato il gioco a Fastaval, una convention che in Danimarca è arrivata alla 30esima edizione, tutti sono rimasti molto coinvolti. E un paio di giovani giocatori sono venuti a dirmi, al termine dell'esperienza, che avevano cambiato opinione rispetto alle persone rifugiate”. 

A thousand stars and no home 3

“A thousand stars and no home” arriva in Italia grazie all'idea del giocatore e game designer italiano Andrea Castellani, esperto di gioco di ruolo dal vivo. “Andrea ha partecipato a uno dei nostri eventi in Danimarca, e per lui abbiamo creato un personaggio che potesse parlare in inglese”, racconta l'autrice. “Poi, man mano che l'argomento rifugiati diventava sempre più attuale, abbiamo concretizzato insieme l'idea di tradurre il gioco e portarlo all'estero”. Alla traduzione in inglese del manuale di gioco hanno collaborato decine di volontari, coadiuvando l'autrice, la cui disabilità le impedisce di passare al computer più di un paio d'ore al giorno. Regitze Illum non potrà essere presente alla messa in scena italiana, che verrà invece condotta da suo marito, Malik Hyltoft, uno dei massimi esperti internazionali di gioco di ruolo dal vivo e tra gli ospiti d'onore del festival modenese, che quest'anno dedica diversi appuntamenti al gioco a tema educativo e sociale.

Il gioco intero, compresi i momenti di preparazione, dura circa 8 ore per chi desidera partecipare interpretando i ruoli dei fuggiaschi. Si potrà scegliere di interpretare personaggi che parlano italiano o inglese. Altri due eventi più brevi si intrecceranno nelle stesse ore negli spazi della ex Manifattura Tabacchi di Modena messi a disposizione dagli organizzatori di Play. Chi parteciperà a questi eventi interagirà comunque con i profughi, ma nei panni delle guardie di frontiera, per lo più corrotte, che sorvegliano i confini delle galassie. 

A thousand stars and no home 2

Il gioco è consigliato a un pubblico adulto che abbia un minimo di conoscenza del gioco di ruolo o dell'ambiente fantascientifico. Per i ragazzi dai 12 anni in su e per chi non è esperto di giochi, il festival Play propone un'altra esperienza dedicata al tema dei rifugiati, della durata di 60 minuti. Si tratta di un viaggio interattivo dal titolo “Nei panni di chi fugge”, in programma di sabato 2 marzo, con tre repliche alle 9, alle 10 e alle 13 negli spazi del quartiere fieristico di Modena, in viale Virgilio. Nel gioco, basato su fonti giornalistiche, i partecipanti dovranno mettersi nei panni di Samira, una donna siriana in fuga dalla guerra con i suoi due bambini, e confrontarsi per valutare quali rotte comportino meno rischi e più probabilità di successo nel tentativo di mettersi in salvo e chiedere asilo in Europa. (Giulia Bondi)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news