12 settembre 2015 ore: 16:39
Economia

Un "uso sociale del denaro", per un’economia dell’onestà: appello del Papa alla Bcc

Nell’incontro che si è svolto in occasione del sessantesimo della fondazione dell’istituto, papa Francesco ha ricordato il valore e gli scopi delle cooperative bancarie: “non comandi il capitale sugli uomini, ma gli uomini sul capitale. Lotta contro la corruzione”
Bcc Papa incontra Bcc
Papa incontra Bcc

ROMA - “La Chiesa conosce bene il valore delle cooperative. Devono continuare ad essere un motore che sviluppa la parte più debole delle comunità locali e della società civile, soprattutto i giovani senza lavoro: così questa mattina papa Francesco ha ricordato il valore e le funzioni delle cooperative, durante l’incontro con i rappresentanti della Banca di Credito cooperativo, in occasione del sessantesimo della fondazione dell’istituto. Un incontro che segue di pochi mesi quello, nel febbraio scorso, con rappresentanti di Confcooperative e di Federcasse: “vorrei riprendere con voi alcuni incoraggiamenti che ho rivolto in febbraio a tutta la Confederazione”, ha proseguito il pontefice, riassumendo in pochi punti il senso gli scopi di queste realtà economiche e sociali, chiamate ad “essere protagonisti nel proporre e realizzare nuove soluzioni di welfare, a partire dal campo della sanità – Preoccupatevi – ha detto ancora - del rapporto tra l’economia e la giustizia sociale, mantenendo al centro la dignità e il valore delle persone”.

box Alle cooperative bancarie spetta poi “facilitare e incoraggiare la vita delle famiglie, e proporre soluzioni cooperative e mutualistiche per la gestione dei beni comuni, che non possono diventare proprietà di pochi né oggetto di speculazione”. E “promuovere un uso solidale e sociale del denaro, nello stile della vera cooperativa, dove non comanda il capitale sugli uomini, ma gli uomini sul capitale”. Infine, le cooperative bancarie devono partecipare attivamente alla globalizzazione, perché sia globalizzazione della solidarietà”, per far crescere l’economia dell’onestà. Economia dell’onestà, in questo tempo in cui l’aria della corruzione viene dappertutto. A voi è chiesto non solo di essere onesti – questo è normale – ma di diffondere e radicare l’onestà in tutto l’ambiente. Una lotta contro la corruzione”.

© Copyright Redattore Sociale