13 dicembre 2018 ore: 09:22
Immigrazione

Una "carta" per aiutare i rifugiati siriani: è la campagna europea #IncredibleOrdinary

La campagna sociale, promossa dalla Commissione Europea e dal World food programme, raccoglie le storie di chi in Turchia cerca di costruire una nuova vita, lontano dal confitto. Grazie ad una speciale "carta di debito" potranno ricevere prodotti e oggetti di uso quotidiano
Card rifugiati #incredibleordinary

ROMA – Raccogliere le storie dei rifugiati siriani in Turchia, per mettere in luce come prodotti ordinari di uso quotidiano diventino straordinari per chi a lungo ha dovuto farne a meno. È l’obiettivo della campagna sociale #IncredibleOrdinary, #Incredibilequotidiano, promossa dal World Food Programme (WFP agenzia delle Nazioni Unite) e la Commissione europea (ECHO - European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations). La campagna consiste in temporary shop creati con la funzione di sensibilizzare l'opinione pubblica nei confronti delle famiglie di rifugiati siriani presenti in Turchia.

Queste famiglie, attraverso una carta di debito chiamata Emergency Social Safety Net, ricevono una quota elargita dall'Unione Europea tale da permettere loro di partecipare all'assistenza fornita dal programma alimentare mondiale (WFP). Wfp e Echo stanno sostenendo i rifugiati in Turchia, che ospita attualmente la più ampia popolazione di rifugiati al mondo, all’interno di un contesto drammatico che parla di quasi 4 milioni di rifugiati all’interno dei suoi confini. Molti di questi hanno dovuto abbandonare le proprie case in Siria a causa del conflitto e i più vulnerabili, circa 1,2 milioni di rifugiati, dipendono completamente dal supporto del programma ESSN (Emergency Social Safety Net – ESSN - la Rete di sicurezza sociale di emergenza) promosso da WFP ed ECHO, il più grande progetto umanitario finanziato dall’Unione Europea sia per il numero delle persone coinvolte, sia per valore economico dell’intervento. Oggi grazie al programma Emergency Social Safety Net (ESSN), la vita di migliaia di rifugiati siriani in Turchia è cambiata ed ha acquisito un senso di normalità: i rifugiati possono infatti acquistare oggetti di uso quotidiano utilizzando una speciale carta di debito. Prodotti e oggetti come latte, vassoi, cuscini, piadine, crema al cioccolato e bambole sono al centro della campagna, acquistabili dai rifugiati tramite una carta di credito, ricaricata ogni mese con denaro contante, fornita loro dal programma ESSN. 

Le storie delle famiglie di rifugiati sono state raccontate al pubblico attraverso un’esperienza diretta. Per un mese un pop-up shop itinerante ha viaggiato in cinque città d’Europa – Parigi, Milano, Varsavia, Berlino e Amsterdam - raccontando le storie dei rifugiati e della quotidianità di quei prodotti che hanno permesso di ristabilire un senso di normalità nelle vite dei rifugiati. Tramite il sito dedicato ad #IncredibleOrdinary è stato chiesto a quante più persone di condividere le storie sui social media.

© Copyright Redattore Sociale