26 febbraio 2019 ore: 15:02
Giustizia

Una favola per aiutare i bambini con un genitore in carcere

Un libro fiaba illustrato per aiutare i bambini con un genitore detenuto a superare il trauma del distacco. A realizzarlo Carthusia Edizioni in collaborazione con Associazione Girotondo Intorno al Sogno e la Casa Circondariale di Arezzo e il sostegno di Fondazione CR Firenze
Favola
Favola

FIRENZE – Un libro fiaba per aiutare i bambini con un genitore detenuto a superare il trauma del distacco. Si intitola ‘Il Sogno di Cora’ ed è stato realizzato da Carthusia Edizioni in collaborazione con Associazione Girotondo Intorno al Sogno e la Casa Circondariale di Arezzo e il sostegno di Fondazione CR Firenze, Sanimpresa e Fondazione Monnalisa. Un’edizione speciale di 1000 copie, accompagnate da un pieghevole illustrativo, sarà distribuita gratuitamente ai detenuti e alle loro famiglie, e alle figure professionali che operano intorno a queste realtà attraverso il progetto ‘Come a casa’. A breve il volume già in alcune libreria e negli store online, sarà distribuito su tutto il territorio nazionale al prezzo di copertina di 16,90 euro.

E’ un albo illustrato di 40 pagine consigliato per i bambini dai tre anni in su. Protagonista è la piccola canina Cora, una piccola artista circense che insieme al padre si esibisce in magnifici spettacoli di giocoleria nei teatri più importanti. Quando suo papà scompare improvvisamente, Cora si trova gettata in un mondo di confusione, mascheramenti e paure che non le consentono di capire. Solo quando la madre avrà il coraggio di togliere la maschera Cora potrà affrontare la verità che le è necessaria per potere andare avanti. Il papà non è libero ma lei può sempre andare a trovarlo, sapendo che un giorno torneranno a fare i loro numeri insieme. ‘

“Quando un genitore viene recluso - racconta Edy Marruchi dell’associazione Girotondo intorno al sogno - la famiglia si confronta con un profondo e repentino strappo. Il figlio, che ha un genitore in carcere, ne resta orfano nella quotidianità e per i bambini è difficile comprendere questa forma particolare di assenza. Questa condizione mette in crisi la relazione affettiva genitore-figlio, gettando i bambini in una profonda solitudine”. Il libro nasce proprio con l’intenzione di aiutare i bambini ad elaborare questo vuoto.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news