12 dicembre 2023 ore: 13:08
Società

Unicef: raggiungere 93,7 milioni per soccorrere bimbi in 155 paesi

In risposta all'allarmante aumento del numero di bambini che affrontano crisi umanitarie senza precedenti in tutto il mondo, l'Unicef ha lanciato oggi un appello di emergenza di raccolta fondi

ROMA - In risposta all'allarmante aumento del numero di bambini che affrontano crisi umanitarie senza precedenti in tutto il mondo, l'Unicef ha lanciato oggi un appello di emergenza di raccolta fondi per 9,3 miliardi di dollari per raggiungere almeno 93,7 milioni di bambini in 155 paesi. In un mondo sempre più colpito da conflitti brutali, povertà, polarizzazione e effetti della crisi climatica, nel 2024, a livello globale I bambini si prevede avranno bisogno di aiuti umanitari salvavita L'Unicef ha l'obiettivo di raggiungere circa 147 milioni di persone con assistenza umanitaria.

I principali 5 appelli di richieste di finanziamento per il 2024 riguardano:

· Afghanistan 1,44 miliardi di dollari

· Rifugiati Siriani e altre popolazioni vulnerabili 860 milioni di dollari

· Sudan 840 milioni di dollari

· Repubblica Democratica del Congo 804 milioni di dollari

· Ucraina e Risposta per i rifugiati 580 milioni di dollari

"Milioni di bambini continuano a essere coinvolti in crisi umanitarie di crescente complessità e portata, che mettono sempre più a dura prova le nostre risorse di risposta- ha dichiarato la Direttrice generale dell'Unicef Catherine Russell- Con finanziamenti flessibili e prevedibili, l'Unicef e i suoi partner possono sostenere rapidamente i bambini bisognosi nel momento in cui si verifica un'emergenza, preparandosi al tempo stesso ad affrontare i rischi futuri per salvare e migliorare le vite umane".

L'appello di 9,3 miliardi di dollari sottolinea l'urgenza di affrontare l'aumento delle multiple sfide che i bambini devono affrontare. Nelle zone di conflitto, I bambini subiscono la dura realtà della violenza e dello sfollamento, affrontando la minaccia quotidiana di danni fisici, traumi emotivi e l'interruzione della loro istruzione e di servizi essenziali. Allo stesso tempo, nelle aree colpite da violenza, I bambini devono fare i conti con l'impatto pervasivo sul loro benessere, affrontando il carico psicologico dell'instabilità e l'aumento del rischio di sfruttamento e abuso. Il cambiamento climatico sta anche aggravando la portata e l'intensità delle emergenze. Nelle regioni che lottano contro i suoi impatti, i bambini sopportano il peso delle sfide ambientali, mettendo a rischio la loro salute, creando insicurezza alimentare e idrica e limitando l'accesso all'istruzione.

Nella prima metà del 2023, i finanziamenti distribuiti in modo diseguale e non flessibile tra le emergenze hanno messo ancora una volta a dura prova la capacità degli operatori umanitari di rispondere ai bisogni crescenti. Il 50% dei finanziamenti è concentrato solo su cinque emergenze: Afghanistan, Ucraina e la risposta regionale ai rifugiati, Repubblica Araba Siriana, Paesi ospitanti i rifugiati siriani ed Etiopia. La risposta umanitaria alle tragiche conseguenze dell'escalation delle ostilità a Gaza ha richiesto 1,2 miliardi di dollari per soli tre mesi, con il rischio di distogliere risorse ad altre emergenze.

Tra le emergenze sottofinanziate vi sono Sudan, Burkina Faso, Repubblica Democratica del Congo, Myanmar, Haiti, Etiopia, Yemen, Somalia, Sud Sudan e Bangladesh.

Come parte dell'Intervento Umanitario per i bambini, che definisce l'appello dell'agenzia per il 2024, l'Unicef prevede di:

· Vaccinare 17,3 milioni di bambini contro il morbillo;

· Curare 7,6 milioni di bambini colpiti da malnutrizione acuta grave;

· Garantire accesso a istruzione formale e non formale, compresa la prima infanzia, a 19,3 milioni di bambini;

· Garantire a 26,7 milioni di bambini, adolescenti e persone che se ne prendono cura l'accesso a supporto per la salute mentale e psicosociale su base comunitaria;

· Raggiungere 1,8 milioni di famiglie con trasferimenti umanitari in denaro finanziati dall'Unicef (anche per la protezione sociale e altri settori);

· Garantire accesso a una quantità e qualità d'acqua sufficiente per il fabbisogno potabile e domestico di 52,4 milioni di persone;

· Garantire a 14,8 milioni di donne, ragazze e ragazzi accesso a interventi di prevenzione e/o risposta e riduzione dei rischi di violenza di genere;

· Garantire a 32,7 milioni di persone canali sicuri e accessibili di denuncia di sfruttamento sessuale e abuso da personale che fornisce assistenza alle popolazioni colpite.

"L'Unicef e i suoi partner sono impegnati a fornire una risposta completa alle numerose crisi umanitarie che colpiscono i bambini, compreso l'impatto di conflitti, cambiamenti climatici e disastri naturali- ha dichiarato Russell- I bambini non dovrebbero pagare con le loro vite e il loro futuro. Hanno bisogno di un accesso continuo ai servizi essenziali, come l'assistenza sanitaria, l'acqua potabile, i servizi igienici di base e l'istruzione".

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news