27 novembre 2017 ore: 16:11
Società

Università, Agenzia nazionale dei giovani: con l'Erasmus plus 35 milioni per l'inclusione

"Nei primi 10 anni di vita l'Agenzia Nazionale per i Giovani ha erogato per le nuove generazioni del sud quasi 35 milioni di euro, sul totale complessivo italiano di circa 92 milioni per attivita' di mobilita', inclusione, partecipazione...

ROMA - "Nei primi 10 anni di vita l'Agenzia Nazionale per i Giovani ha erogato per le nuove generazioni del sud quasi 35 milioni di euro, sul totale complessivo italiano di circa 92 milioni per attivita' di mobilita', inclusione, partecipazione, acquisizione di competenze e incentivi all'autoimprenditorialita': ai progetti hanno partecipato oltre 60.000 giovani della regioni del mezzogiorno, su 100.000 coinvolti in totale in Italia". Lo sottolinea Giacomo D'Arrigo, direttore generale dell'Agenzia Nazionale per i Giovani, intervenendo a Napoli al convegno sul tema 'Le nuove opportunita' per i giovani', organizzato dal ministro per la Coesione territoriale, Claudio de Vincenti, per presentare le misure del Governo per gli under 35.

"Questi numeri- continua D'Arrigo- testimoniano quanto i giovani del sud Italia abbiano voglia di partecipare e sappiano cogliere al meglio le opportunita' che l'Europa offre loro. Si sono messi in gioco investendo su loro stessi e sulla loro terra sfruttandone al meglio le potenzialita' organizzando partenariati, scambi o attivita' di volontariato che hanno messo al centro la voglia di riscatto del Mezzogiorno. Grazie al programma Erasmus Plus e prima a quello Gioventu' in Azione, infatti viene favorito fortemente l'investimento sul capitale umano e questo e' fondamentale per le nuove generazioni che vivono nelle regioni piu' svantaggiate".

"Dobbiamo quindi incentivare sempre piu' i giovani a sfruttare queste occasioni- conclude D'Arrigo- come anche quelle messe a disposizione dal Governo con i bandi 'Resto al Sud' e 'Terre abbandonate'. Insieme possiamo creare forti sinergie e collaborazioni per dare ai giovani tutti gli strumenti possibili per non restare fermi e promuovere, al tempo stesso, la crescita e lo sviluppo del sud Italia partendo proprio dalle loro energie e dalle loro capacita'". (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news