8 settembre 2017 ore: 12:20
Non profit

Uragano Irma, Caritas attiva gruppi di emergenza e volontari

Video-conferenza con i rappresentanti di alcune diocesi locali: il numero delle persone colpite potrebbe salire a decine di milioni tra le isole. La Caritas Internationalis pronta a intervenire: fornitura di acqua potabile, prodotti per l’igiene, medicinali e distribuzione di aiuti alimentari, le priorità
Uragano Irma

ROMA - L’uragano Irma sta minacciando le popolazioni dei Caraibi, con venti di 300 km orari, onde gigantesche e piogge torrenziali. Le zone coinvolte sono Porto Rico, Repubblica Dominicana, Haiti, Isole dei Caraibi Orientali e gli USA.Caritas Internationalis ha effettuato ieri una video-conferenza con i rappresentanti di alcune Caritas della zona. Oltre ai fortissimi venti, sono previste alluvioni nelle regioni Nord, Nord-Est e Nord-Ovest di Haiti e la costa Nord della Repubblica Dominicana. Il numero delle persone colpite, secondo le previsioni, potrebbe salire a decine di milioni tra le isole caraibiche - in particolare Haiti, Repubblica Dominicana e Cuba - e Stati Uniti. Lo fa presente in una nota l'organizzazione.

La Chiesa, attraverso le Caritas nazionali, diocesane e parrocchiali, sta predisponendo piani diocesani con l’attivazione di gruppi di emergenza, l’organizzazione di volontari e operatori pastorali, l’apertura di centri di accoglienza. In particolare la risposta della rete Caritas si sta articolando intorno a due linee di intervento principali: da un lato la fornitura di acqua potabile, prodotti per l’igiene, medicinali e dall’altro la distribuzione di aiuti alimentari.

© Copyright Redattore Sociale