23 gennaio 2021 ore: 15:20
Salute

Vaccini anti-Covid, Covax acquista 40 milioni di dosi da Pfizer. “Non ci sono vincitori se non vinciamo tutti!”

Covax, l'iniziativa globale per garantire un accesso equo ai vaccini per tutti i paesi, ha annunciato la firma dell’accordo. Confermato che ci si avvarrà anche dell'opzione per ricevere le prime 100 milioni di dosi del vaccino sviluppato da AstraZeneca/Oxford University. La consegna della maggior parte di queste prime dosi è prevista nel primo trimestre dell'anno
vaccini, vaccino, covid, sanità, coronavirus

ROMA - COVAX, l'iniziativa globale per garantire un accesso rapido ed equo ai vaccini contro il Covid-19 per tutti i paesi, indipendentemente dal livello di reddito, ha annunciato la firma di un accordo di acquisto con Pfizer per un totale di 40 milioni di dosi del candidato vaccino Pfizer-BioNTech, che ha già ottenuto l'Emergency Use Listing dall'Oms. La distribuzione inizierà con la negoziazione e l'esecuzione degli accordi di fornitura.
A ulteriore sostegno della sua missione di accelerare una disponibilità rapida di vaccini per i paesi a basso reddito e contribuire a porre rapidamente fine alla fase acuta della pandemia da Covid-19, COVAX ha anche confermato che si avvarrà dell'opzione - tramite un accordo esistente con il Serum Institute of India (SII) - per ricevere le prime 100 milioni di dosi del vaccino sviluppato da AstraZeneca/Oxford University e prodotto da SII.
La consegna della maggior parte di queste prime 100 milioni di dosi è prevista nel primo trimestre dell'anno, in attesa dell’Emergency Use Listing dell’Oms. “Il processo di revisione dell'Oms, che è attualmente in corso – afferma l’Unicef -, segue l'approvazione per l'uso limitato in situazioni di emergenza da parte del Drugs Controller General dell’India avvenuta all'inizio di questo mese, e rappresenta un aspetto cruciale perché assicura che qualsiasi vaccino procurato attraverso COVAX sia pienamente garantito in termini di qualità. Secondo l'ultimo aggiornamento dell'Oms, una decisione su questo vaccino è prevista, al più presto, per la metà di febbraio”.
COVAX anticipa anche che, attraverso un accordo esistente con AstraZeneca, almeno 50 milioni di ulteriori dosi del vaccino AstraZeneca/Oxford saranno disponibili per la distribuzione ai partecipanti a COVAX nel primo trimestre del 2021, in attesa dell'approvazione regolamentare da parte dell'Oms della rete di produzione specifica per COVAX per queste dosi. Una decisione su questo vaccino è prevista dall'Oms al più presto nella seconda metà di febbraio.

"Oggi celebriamo un'altra pietra miliare per COVAX: in attesa dell'approvazione regolamentare per il vaccino candidato di AstraZeneca/Oxford e della conclusione positiva dell'accordo di fornitura per il vaccino di Pfizer-BioNTech, ci aspettiamo di poter iniziare le consegne dei vaccini salvavita contro il Covid-19 a febbraio - ha dichiarato Seth Berkley, CEO di Gavi, la Vaccine Alliance, che guida l'approvvigionamento e la consegna per COVAX -. Questo non è solo significativo per COVAX, ma è un importante passo avanti per un accesso equo ai vaccini, e una parte essenziale dello sforzo globale per sconfiggere questa pandemia. Saremo al sicuro in qualsiasi luogo solo se saremo al sicuro in tutti i luoghi".

Le operazioni di preparazione, guidate da Oms, Unicef e Gavi, sono già ben avviate per la consegna dei vaccini da parte della COVAX alle economie ammissibili al sostegno tramite il COVAX AMC, con Gavi che ha reso disponibili 150 milioni di dollari di suoi fondi di base come sostegno iniziale e catalizzatore per la preparazione e la distribuzione. "L’avvio urgente ed equo dei vaccini non è solo un imperativo morale, è anche un imperativo strategico ed economico - ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità -. Questo accordo con Pfizer aiuterà a permettere a COVAX di salvare vite, stabilizzare i sistemi sanitari e guidare la ripresa economica globale".

Basandosi sul lavoro degli ultimi mesi a sostegno degli sforzi di preparazione dei paesi, questo mese l'Oms lancerà un "Portale sulla preparazione dei paesi", che permetterà ai partecipanti all'AMC di presentare i piani nazionali di impiego e vaccinazione (NDVP) definitivi. Questo è un passo vitale prima che le assegnazioni possano essere fatte, per assicurare che le dosi consegnate possano essere effettivamente distribuite e per identificare dove, se necessario, è richiesto ulteriore supporto.
La COVAX Facility intende fornire a tutte le 190 economie partecipanti un'assegnazione indicativa di dosi in una settimana. Questa assegnazione indicativa fornirà una guida provvisoria ai partecipanti - offrendo uno scenario minimo di pianificazione per consentire i preparativi per l'assegnazione finale del numero di dosi che ogni partecipante riceverà.

Aggiornamento sulle forniture

COVAX ora ha accordi in atto per accedere a poco più di 2 miliardi di dosi di diversi vaccini candidati promettenti. Le trattative continuano per ulteriori dosi da assicurarsi attraverso gli accordi di ricerca e sviluppo esistenti da parte della COVAX, co-leader della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), attraverso valutazioni di nuovi prodotti con risultati promettenti e attraverso i contributi dei donatori. Su questa base, COVAX prevede di essere in grado di fornire alle economie partecipanti dosi di vaccini sicuri ed efficaci - sufficienti a proteggere gli operatori sanitari e altri lavoratori in prima linea, nonché alcuni degli individui ad alto rischio - a partire dal primo trimestre 2021. L'obiettivo è quello di proteggere almeno il 20% di ogni popolazione partecipante entro la fine dell'anno – a meno che un partecipante abbia richiesto una percentuale inferiore di dosi. Almeno 1,3 miliardi di queste dosi saranno messe a disposizione delle 92 economie ammissibili al Gavi COVAX AMC entro la fine del 2021.
Per raggiungere il suo obiettivo di assicurare 2 miliardi di vaccini sicuri ed efficaci nel 2021, COVAX ha costruito un portafoglio diversificato di candidati vaccini che mitiga il rischio che un prodotto fallisca nel processo di sviluppo e assicura la disponibilità di prodotti adatti a vari contesti e impostazioni. Questo lavoro continuerà ad un ritmo elevato per consentire un'ulteriore fornitura di vaccini adatti all'uso in una vasta gamma di popolazioni e contesti nel 2021 e oltre.

Non ci sono vincitori se non vinciamo tutti!”

“Con gli annunci di ieri muoviamo un passo verso l'inizio delle azioni per la vaccinazione nell'ambito della struttura COVAX. Un passo per estendere la lotta contro il Covid-19 a un maggior numero di paesi tra i più poveri del mondo. Un passo per il raggiungimento del nostro obiettivo di assicurarci che nessun paese sia tagliato fuori dai vaccini Covid. Ma c'è ancora molto lavoro da fare”. Così Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef. Che aggiunge: “L'Unicef sta valutando una serie di offerte nella gara per il vaccino contro il Covid-19 lanciata a novembre. Stiamo negoziando accordi di fornitura a lungo termine con un certo numero di produttori, accordi che apriranno la strada all’accesso a dosi di vaccini di qualità garantita per i paesi più poveri del mondo. Come parte di questo sforzo, sono lieta di annunciare che l'Unicef ha assegnato a Pfizer un contratto a seguito della gara, e siamo ora in discussione per finalizzare l'accordo di fornitura”. 
“Grazie ai negoziati dell'Unicef e alla nostra decennale esperienza nel procurare e consegnare vaccini in ogni angolo del mondo, abbiamo la competenza e il know-how per fare questo lavoro. Anche se oggi rappresenta una pietra miliare, rimangono importanti sfide per l’impegno logistico senza precedenti di distribuire i vaccini in ogni angolo del mondo”. 

E continua: “L'Unicef e i nostri partner stanno lavorando con i governi 24 ore su 24 per garantire che i paesi siano pronti a ricevere i vaccini, con le attrezzature appropriate per la catena del freddo e gli operatori sanitari formati per distribuirli. L'Unicef sta anche giocando un ruolo di primo piano negli sforzi per promuovere la fiducia nei vaccini, monitorando e affrontando la disinformazione. Nelle prossime settimane, inizieremo a trasportare i vaccini, insieme alle siringhe e a contenitori per rifiuti sanitari, nei paesi di tutto il mondo. Lavoreremo con le compagnie aeree e i fornitori di trasporto e per la logistica per assicurare una consegna sicura e tempestiva". 

"L'anno scorso abbiamo visto un'ingegnosità umana davvero unica per sviluppare con successo vaccini efficaci e sicuri in tempo record. Quest'anno, dobbiamo affrontare la più grande sfida logistica che il mondo abbia mai visto. E abbiamo bisogno di tutto l'aiuto possibile – continua la presidente di Unicef -.  Con questo in mente, permettetemi di dire quanto siamo lieti che gli Stati Uniti si uniscano alla COVAX Facility. Sono sicura che, con la loro esperienza e risorse, gli Stati Uniti daranno a questo sforzo globale, e al ruolo dell'UNICEF in esso, una grande spinta. L'unità globale, l'impegno e il sostegno per la COVAX Facility è davvero una notevole dimostrazione di ciò che possiamo realizzare quando tutti - governi, Ong, aziende farmaceutiche, altri membri del settore privato e le stesse Nazioni Unite - lavorano insieme. Perché sappiamo che nella corsa per vaccinare il mondo, non ci sono vincitori se non vinciamo tutti. Ogni paese. Insieme". 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news