3 luglio 2018 ore: 17:30
Famiglia

Veneto, il libro bianco sui centri anziani del Pd:"Sistema Ipab vicino al collasso"

In Veneto ci sono oltre 190 mila anziani non autosufficienti ma il sistema delle Ipab è praticamente al collasso a causa dei mancati investimenti da parte della Regione. A lanciare l'allarme è stato oggi il gruppo del Partito democratico al completo, presentando a Venezia il "libro bianco sui centri servizi per anziani"

In Veneto ci sono oltre 190 mila anziani non autosufficienti ma il sistema delle Ipab e' praticamente al collasso a causa dei mancati investimenti da parte della Regione. A lanciare l'allarme e' il gruppo del Partito democratico al completo, oggi a palazzo Ferro Fini, Venezia, presentando il "libro bianco sui centri servizi per anziani" curato da Claudio Sinigaglia. "A causa della non azione della giunta Zaia entrare in casa di riposo in Veneto non e' piu' un Lea ma un privilegio", attacca Sinigaglia evidenziando che ad oggi la retta alberghiera in un'Ipab Veneta ammonta a 1.800 euro mentre quella assistenziale e' di altri 1.500 euro. Cio' vuol dire che, nel migliore dei casi, una famiglia deve sborsare 1.800 euro al mese per far ricoverare in casa di riposo il suo caro non autosufficiente, e se non ne ha la capacita' economica tocca intervenire al Comune.

Ma, dal momento che le impegnative concesse dal sistema sanitario regionale sono poche, circa 24.267 a fronte di circa 32 mila posti letto tra strutture pubbliche e private convenzionate, molti sono gli anziani che riescono ad accedere alle case di riposo solo pagando completamente entrambe le quote. Il che comporta un esborso compreso tra i 2.200 ed i tremila euro perche' le Ipab, piuttosto di tenere i posti vuoti, non applicano una tariffa intera, che altrimenti raggiungerebbe i 3.300 euro.

Il Consiglio superiore di sanita' "ha chiaramente detto" che la vendita di prodotti a base di cannabis "e' motivo di preoccupazione". Pertanto "auspichiamo un intervento chiaro del ministero della Salute". La richiesta e' del deputato bolognese di Forza Italia Galeazzo Bignami, che chiede al Governo di "attivare iniziative a tutela della salute individuale e collettiva e per vietare la libera vendita dei prodotti contenenti THC". Nel parere del Css "si ritiene che la pericolosita' di tali prodotti non possa essere esclusa- spiega il parlamentare- tra le motivazioni, il fatto che tale consumo non puo' essere controllato e monitorato in relazione alla quantita' assunta e quindi agli effetti psicotropi che potenzialmente producono".

La commercializzazione dei prodotti contenenti la cannabis 'light' a basso contenuto di THC "si sta diffondendo ovunque", prosegue il deputato. "Recenti stime dicono che il 10% della clientela si colloca in una fascia di eta' tra i 18 e i 25 anni mentre il 70% tra i 26 e i 55 anni. Vengono proposti prodotti alimentari e resta critica la commercializzazione delle infiorescenze per un non meglio definito scopo di 'collezione'. Zone d'ombra di carattere legislativo su cui occorre una presa di posizione definitiva".

Questo comporta pero' che entrare in casa di riposo senza impegnativa rimane comunque un lusso per pochi, e che quei pochi creano in realta' un buco nelle casse stesse delle Ipab, che non incassano la tariffa piena ma devono ovviamente garantire un servizio pieno, e vanno in perdita. A cio' si aggiunge che ormai da anni non vengono fatti investimenti adeguati sulle strutture, quindi i posti letto pagati cosi' cari rischiano di essere in stanze condivise anche da quattro persone, solo per fare un esempio.

Il nuovo Piano sociosanitario, che dovra' a breve essere discusso dal consiglio regionale, prevede un incremento dei posti disponibili che diventeranno 36.597, "ma il numero delle impegnative rimarra' sempre di circa 24.500", pertanto i fondi stanziati dalla Regione non aumenteranno, e i problemi rimarranno gli stessi. "Serve una riforma delle Ipab, chiediamo di aumentare i fondi per la non autosufficienza, il numero delle impegnative ed il loro valore", conclude Sinigaglia. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news