10 ottobre 2016 ore: 13:44
Famiglia

Violenza sui minori, Grasso: "Emergenza sociale che va risolta

Secondo il rapporto di Terres des hommes aumentano gli abusi sui bambini nel nostro paese. Il presidente del Senato: "è prioritario arrivare a una cultura della prevenzione sempre più capillare sul territorio, disporre di strumenti investigativi più efficaci, di una maggiore cooperazione internazionale giudiziari"
Violenza sui minori. Bambino si copre il viso

ROMA – “La giornata di oggi è un’importante occasione di riflessione in quanto accende i riflettori su un fenomeno che a seguito di stravolgimenti geopolitici, bellici e migratori, ha assunto dimensioni epocali: la violenza di genere contro le bambine e le ragazze, nelle due manifestazioni più tragiche, quali lo sfruttamento lavorativo, l'abuso sessuale, la schiavitù domestica, la povertà educativa, i matrimoni e le gravidanze adolescenziali”. Lo sottolinea il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel messaggio inviato a Terres des hommes in occasione della presentazione oggi a Roma del dossier Indifesa 2016.

Nel rapporto si sottolinea l’aumento in Italia della violenza sui minori. “Reati di elevata riprovazione e disvalore sociale in quanto lesivi dello sviluppo armonioso della personalità delle bambine, costrette a subire passivamente violenze che offendono il loro mondo interiore ed alterano le loro relazioni interpersonali con gli adulti e i coetanei. Sono vere e proprie emergenze sociali che richiedono alla comunità internazionale risposte certe ed efficaci, una reazione di condanna forte e chiara e la concreta applicazione delle Convenzioni internazionali a difesa dei minori”.

 Secondo Grasso “è prioritario altresì arrivare a una cultura della prevenzione sempre più capillare sul territorio, disporre di strumenti investigativi più efficaci, di una maggiore cooperazione internazionale giudiziaria e di un potenziamento dell'azione penale e di repressione. Tocca alle istituzioni – conclude - alle scuole, alle famiglie, tutelare i diritti inviolabili dei bambini a vivere un'infanzia felice, individuare le cause primarie che li espongono a rischio di violenza, controllare la qualità del loro percorso educativo e culturale, garantire protezione ed assistenza alle vittime e soprattutto superare l'indifferenza e rompere il muro del silenzio”. 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news