9 maggio 2022 ore: 14:51
Giustizia

Vittime del terrorismo, “conoscenza della storia indispensabile per salvaguardare la democrazia”

Oggi è il Giorno della Memoria dedicato alle Vittime del terrorismo. Il Capo dello Stato ha deposto una corona in via Caetani, sul luogo del ritrovamento del corpo di Aldo Moro. Poi a Montecitorio la celebrazione della giornata. Lamorgese: “Il legame assicurato dalla memoria rafforza la riconoscenza”. Bianchi: “La scuola è il luogo in cui si forma la coscienza civile del nostro Paese”
Foto da Agenzia DIRE Sergio Mattarella 2022

ROMA – In occasione del quarantaquattresimo anniversario dell’uccisione dell’on. Aldo Moro, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deposto una corona in via Caetani, sotto la lapide che ricorda il luogo del ritrovamento del corpo dell’on. Moro avvenuto il 9 maggio 1978.
Successivamente, il Capo dello Stato ha partecipato alla cerimonia di celebrazione del Giorno della Memoria dedicato alle Vittime del terrorismo nell’Aula di palazzo Montecitorio, che è stata aperta dagli interventi del Presidente della Camera, Roberto Fico e della Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Nel corso della cerimonia si sono alternate le testimonianze di alcuni familiari di vittime del terrorismo: Mario Calabresi, figlio di Luigi; Luigina Dongiovanni, nipote di Franco, carabiniere deceduto nella strage di Peteano; Maria Cristina Ammaturo, figlia del Vice Questore Antonio, e Marina Orlandi, vedova di Marco Biagi.
Sono intervenuti anche lo storico Angelo Ventrone e gli studenti Luca Contini, dell’Istituto di istruzione superiore “Roberto Rossellini” di Roma, e Martina Spangher, del Liceo “Laura Bassi” di Bologna.

Lamorgese: “Il legame assicurato dalla memoria rafforza la riconoscenza”

“Il legame assicurato dalla memoria rafforza, nel tempo, il sentimento di riconoscenza nei confronti di chi ha pagato con la propria vita gli attacchi portati dal terrorismo di diversa matrice al cuore delle istituzioni democratiche e repubblicane”. Lo ha dichiarato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in occasione del Giorno della Memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi.

Per Lamorgese, “grazie al sacrificio di tanti servitori dello Stato, di cittadini eletti negli organi rappresentativi, di testimoni della società civile che non hanno ceduto alle pressioni e ai ricatti è stato possibile sconfiggere la violenza e la forza eversiva di chi, con la lotta armata, avrebbe voluto minare i principi fondanti della nostra Costituzione”.

“Il Giorno della Memoria - che si celebra il 9 maggio, nella data in cui ricorre l’anniversario del barbaro assassinio del presidente della Dc, Aldo Moro - è l’occasione solenne per rinnovare il ricordo e l’esempio di tutte le vittime del terrorismo, con il rispetto dovuto al dolore delle loro famiglie, e anche per consolidare lo spirito di coesione che non ha mai smesso di animare il nostro Paese nei passaggi più drammatici della sua storia recente”, ha concluso.

Bianchi: “Conoscenza e comprensione della storia indispensabili per salvaguardare la democrazia”

Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, ha invece affermato: “La conoscenza e la comprensione della storia sono indispensabili per salvaguardare i valori e i fondamenti della nostra democrazia”.
“Per questo la legge che ha istituito il Giorno della memoria che celebriamo oggi, in occasione dell’anniversario dell’uccisione di Aldo Moro, ha previsto il coinvolgimento delle scuole: studentesse e studenti devono infatti poter conoscere la storia e le vicende delle donne e degli uomini che hanno perso la vita per colpa della violenza cieca e, attraverso di loro, le pagine buie della storia del nostro Paese che non vogliamo si ripetano mai più – ha proseguito il ministro -. La scuola è il luogo in cui si forma la coscienza civile del nostro Paese”.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news