27 aprile 2018 ore: 12:53
Immigrazione

Migranti, hotspot di identificazione al porto di Reggio Calabria

Una struttura per la permanenza temporanea dei migranti e' in fase di allestimento al porto di Reggio Calabria. Si tratta di un hotspot, come gia' ne esistono in altre citta' italiane, che servira' per la prima identificazione subito dopo lo sbarco....

Una struttura per la permanenza temporanea dei migranti e' in fase di allestimento al porto di Reggio Calabria. Si tratta di un hotspot, come gia' ne esistono in altre citta' italiane, che servira' per la prima identificazione subito dopo lo sbarco. L'area individuata per la realizzazione e' il molo di Ponente del porto reggino. Attualmente inutilizzato e' adibito a ricovero di vecchie imbarcazioni commerciali.

Come confermato all'agenzia Dire dal delegato della Protezione Civile del Comune di Reggio Calabria, Antonio Ruvolo, la struttura sara' composta da moduli prefabbricati temporanei e consentira' ai volontari e agli operatori socio-sanitari di operare con maggiore efficacia, grazie anche al collegamento alla rete Internet. L'operazione avviata due anni fa, di iniziativa del Ministero dell'Interno e' coordinata dalla Prefettura di Reggio Calabria.

"La realizzazione di queste strutture - ha dichiarato Ruvolo - eviteranno la precarieta' nella quale gli operatori di Protezione Civile hanno dovuto operare fino ad oggi. Per l'identificazione dovevamo trasferire i migranti dal porto alla Questura, e ad ogni sbarco eravamo costretti ad allestire un vero e proprio campo, con tanto di torri fotoelettriche e generatori elettrici ausiliari".

All'interno dei moduli container saranno riservate delle zone per l'accoglienza, per i servizi medico-sanitari e per il primo ristoro. Sin dall'avvio dell'emergenza sbarchi a Reggio Calabria, sono stati impegnati circa due milioni di euro, di cui rimborsati al Comune circa 700 mila euro. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale