19 giugno 2018 ore: 14:19
Immigrazione

Rom, la Lega marcia in Emilia, Fi a Salvini: chiuda il campo a Ferrara

L'operazione anti-rom e' partita anche in Emilia-Romagna. Nella serata di ieri la Lega ha marciato per chiedere la chiusura del campo di via delle Bonifiche a Ferrara e oggi e' Forza Italia a chiedere a Matteo Salvini la fine dell'insediamento...

L'operazione anti-rom e' partita anche in Emilia-Romagna. Nella serata di ieri la Lega ha marciato per chiedere la chiusura del campo di via delle Bonifiche a Ferrara e oggi e' Forza Italia a chiedere a Matteo Salvini la fine dell'insediamento. Il deputato azzurro Galeazzo Bignami cita anche i recenti arresti avvenuti nell'ambito dell'operazione "Bonifica" messa a segno dai Carabinieri nel ferrarese.

"Il ministro dell'Interno valuti la chiusura del campo nomadi di via delle Bonifiche a Ferrara e proceda alla verifica di tutti i campi nomadi che insistono sul nostro territorio, regionale e nazionale. E' evidente che qui le finte politiche di integrazione si sono rilevate un fallimento totale. In questi campi, finanziati e mantenuti con soldi pubblici, proliferano degrado e attivita' illecite", scrive Bignami in una nota che annuncia l'interrogazione a Salvini.

"Da sempre siamo contrari al mantenimento dei campi nomadi sul territorio- prosegue Bignami- realta' con costi sociali altissimi e sulle quali la sinistra si ostina a investire, in nome di una integrazione che non esiste e non puo' esistere in simili condizioni. Chi vuole integrarsi deve abbracciare diritti e doveri di un cittadino italiano, pagare le tasse e contribuire alla crescita della societa' in cui vive, e' un principio basilare. Invece nella nostra regione si fanno leggi ad hoc e si creano microaree, pagate centinaia di migliaia di euro, in deroga alle norme urbanistiche, per accogliere e ospitare chi dimostra di non volersi integrare".

Il consigliere comunale ferrarese Matteo Fornasini, anch'egli forzista, ringrazia Bignami per l'interrogazione. "La nostra posizione- afferma- e' nota da tempo cosi' come e' noto l'approccio buonista che sul tema hanno le amministrazioni di sinistra a qualunque livello. I campi nomadi in questi anni hanno assunto la caratteristica di zone franche e questo non deve piu' accadere". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale