1 dicembre 2016 ore: 16:59
Non profit

"Vite preziose", sms solidali per aiutare le donne dell’Afghanistan

La campagna del Cospe, al via il 3 dicembre, servirà a raccogliere fondi per aiutare le ragazze e le donne vittime di violenza e discriminazione in Afghanistan, considerato il Paese più pericoloso al mondo per una donna
Donne afghane - foto Cospe

- FIRENZE – Si chiama ‘Vite preziose’ ed è la campagna di sms solidali di Cospe per aiutare le ragazze e le donne vittime di violenza e discriminazione in Afghanistan, considerato il Paese più pericoloso al mondo per una donna. 

E’ possibile contribuire dal 3 al 18 dicembre 2016 con sms e chiamate solidali al 45526. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, Coop Voce e dal 13 dicembre anche PosteMobile. Sarà di 5 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Vodafone, TWT e Convergenze, e di 2 o 5 euro per ciascuna chiamata fatta sempre al 45526 da rete fissa TIM, Infostrada e Fastweb.

I fondi raccolti grazie alla campagna andranno a finanziare le attività della Casa Protetta e del Centro Donne, due strutture che l’associazione gestisce a Kabul. Qui le donne possono trovare non solo protezione e aiuto nei momenti di grave difficoltà o pericolo, ma anche opportunità e strumenti per diventare protagoniste della propria vita.

La Casa Protetta è un rifugio residenziale dove Cospe accoglie bambine, ragazze e donne provenienti da tutto l’Afghanistan che si trovano in pericolo di vita a causa della violenza e delle possibili ritorsioni delle famiglie. Qui con i fondi raccolti l’associazione garantirà a cinquanta donne e ai loro figli, anch’essi vittime di discriminazione e violenza, accoglienza e supporto in un luogo protetto, offrendo un posto letto e un pasto sano, assistenza sanitaria e psicologica e sostegno legale. 

Presso il Centro Donne di Afshar, un quartiere fortemente degradato e violento della capitale, Cospe organizzerà invece per cento donne corsi di alfabetizzazione e istruzione primaria e lezioni di sartoria e ricamo tradizionale: le capacità acquisite attraverso questo percorso formativo daranno impulso all’autonomia nel gestire la propria vita e potranno tradursi anche in un’opportunità professionale e in una risorsa economica per se’ e per le proprie famiglie, favorendo un progressivo riconoscimento delle loro capacità e del loro ruolo. Il personale specializzato assicurerà inoltre un servizio di ascolto e counseling psicologico e supporto nella mediazione con i familiari, per sensibilizzare sul rispetto dei diritti della donne e sull’abbandono di pratiche lesive della loro dignità.

© Copyright Redattore Sociale