25 gennaio 2019 ore: 12:40
Famiglia

Pronto badante, 3 milioni per proseguire il progetto toscano

Stanziati nuovi fondi per gli anni 2019 e 2020. Il servizio aiuta le famiglie a trovare assistenti domestici nel momento in cui gli anziani diventano non autosufficienti
Anziana e assistente, badante a passeggio

FIRENZE - Quasi 3 milioni per proseguire il progetto Pronto Badante nel 2019 e 2020 in Toscana. E da quest'anno non si parla più di progetto sperimentale, ma di stabilizzazione degli interventi. A stabilire il proseguimento del progetto Pronto Badante, una delibera presentata dall'assessore regionale al diritto alla salute e al welfare Stefania Saccardi e approvata dalla giunta nel corso dell'ultima seduta. Delibera che destina al progetto 2.900.000 euro per il biennio 2019-2020.

"Il progressivo invecchiamento della nostra popolazione - dice l'assessore Stefania Saccardi - pone con sempre maggiore urgenza il problema dei bisogni degli anziani e delle loro famiglie. Noi vogliamo dare risposte che rendano meno gravoso il peso della quotidianità, prevenendo l'isolamento e l'esclusione sociale degli anziani e dei familiari che li assistono. Tra queste risposte, c'è il Pronto Badante. Alla luce degli esisti positivi ottenuti dalla sperimentazione del progetto regionale, abbiamo deciso quest'anno di stabilizzare gli interventi previsti dal progetto, per consolidare ulteriormente la qualità del nostro welfare, con politiche sociali innovative e di inclusione".

Il progetto regionale "Pronto Badante - Interventi di sostegno e integrazione nell'area dell'assistenza familiare in Toscana" è partito in via sperimentale a marzo 2015 sul territorio di Firenze e provincia e, a seguito degli ottimi risultati raggiunti, è stato poi esteso dall'anno successivo a tutta la Toscana. Il progetto ha come obiettivo il sostegno alla famiglia con anziano convivente o all'anziano che vive da solo, nel momento in cui si presenta la prima fase di difficoltà dell'anziano, garantendo la copertura di questo delicato momento, in genere quasi totalmente scoperto, durante il quale la famiglia si trova a vivere una situazione di grave difficoltà, che spesso impedisce di provvedere alle prime azioni necessarie. Questo intervento si propone anche di contrastare la solitudine e il disagio delle persone anziane fragili e delle loro famiglie, promuovendo la socializzazione e l'integrazione sociale.

Il progetto, con il coinvolgimento del Terzo settore, del volontariato e dei soggetti istituzionali presenti sul territorio, prevede l'intervento diretto di un operatore, che si recherà all'abitazione della famiglia dell'anziano, in modo da garantirle un adeguato punto di riferimento per avere informazioni riguardanti i percorsi socio-assistenziali e un sostegno economico, una tantum, per l'attivazione di un rapporto di assistenza familiare con una/un badante.

Il progetto ha previsto anche il coinvolgimento dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Inps), per l'azione "Sostegno economico", attraverso la stipula di un'apposita convenzione che ha permesso, fin dal primo anno di sperimentazione del progetto regionale, l'attivazione di una nuova procedura telematica, all'interno del sito istituzionale di Inps, al fine di poter erogare alle persone anziane in difficoltà i libretti famiglia, un utile strumento di facile e rapida usufruibilità: la loro attivazione è funzionale all'effettuazione di un regolare rapporto di lavoro occasionale tra l'anziano e l'assistente familiare, in quanto già comprensivo di oneri previdenziali Inps e assicurativi Inail, ed è propedeutico alla successiva stabilizzazione lavorativa dell'assistente familiare, attraverso la stipula di un contratto di lavoro regolare.

Il numero verde istituito dalla Regione, 800 59 33 88 è attivo dal lunedi al venerdi dalle 8 alle 19.30 e il sabato dalle 8 alle 15). Dopo la chiamata, un operatore autorizzato interverrà direttamente all'abitazione della famiglia della persona anziana, garantendole un unico punto di riferimento.

© Copyright Redattore Sociale