25 ottobre 2018 ore: 11:35
Non profit

Csv Foggia rinnova gli organi sociali: Pasquale Marchese neo presidente

Tra le sfide della nuova governance il volontariato in ambito penitenziario e una maggiore presenza nelle zone periferiche, con l'obiettivo di costruire una "cittadella del volontariato"
Crowdfunding, volontariato, mani in cerchio - SITO NUOVO

Si rinnovano gli organi sociali del Centro di servizio per il volontariato della provincia di Foggia, che il 23 ottobre sono stati eletti dall'Assemblea dei soci. Pasquale Marchese è il nuovo presidente e, dopo aver guidato il Ce.Se.Vo.Ca. dal 2001 al 2015 e successivamente lo stesso Csv Foggia dal 2015 all’aprile 2017, resterà in carica per i prossimi 3 anni.

Questi gli otto membri del Consiglio direttivo che affiancheranno il presidente Marchese: Carlo Rubino (vicepresidente), Roberto Augello (tesoriere), Laura Pipoli (segretario), Mario Ilio Guadagno, Alessio Marino, Massimo Mezzina, Lelio Pagliara e Matteo Perillo. Per il Collegio dei Garanti sono stati eletti: Aldo Bruno (presidente), Gianfranco Colecchia, Lea Faggioli, Gianluca Fiandanese, Carmela Mastromatteo e Antonio Ziccardi. I nuovi Revisori dei Conti sono: Grazia Cannarozzi e Margherita Pavone; il presidente sarà indicato dall’OTC, l’Organo Territoriale di Controllo, così come previsto dalla Riforma del Terzo settore. 

Tra i principali obiettivi della nuova governance ci sarà una maggiore presenza nelle zone periferiche di Capitanata e nei tre comuni della BT (Margherita di Savoia, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia), per garantire pari opportunità di accesso e la creazione di reti con enti e istituzioni del territorio, per costituire una vera "cittadella del volontariato".

Le sfide che il Csv si pone riguardano inoltre: una maggiore visibilità ai valori del volontariato e all’impatto sociale dell’azione volontaria, il sostegno ad iniziative di promozione e formazione progettate dalle associazioni, l'informazione rivolta sia ai volontari che agli aspiranti tali, per favorire una maggiore consapevolezza del loro ruolo e lo sviluppo di competenze trasversali. Oltre a garantire quotidianamente i tradizionali servizi di consulenza e accompagnamento, informazione e comunicazione, ricerca e documentazione e logistica, si punterà in particolar modo sulla promozione del volontariato in ambito penitenziario, per cui le associazioni hanno mostrato particolare interesse negli ultimi anni. 

“Ringrazio l’assemblea dei soci per la fiducia accordatami – il commento del presidente, Pasquale Marchese – Un profondo ringraziamento va anche al direttivo precedente e al presidente uscente, Aldo Bruno, per l’importante lavoro svolto. Stiamo vivendo un momento storico di profondi cambiamenti, a livello sociale e non solo, e siamo chiamati a confrontarci con nuovi contesti, molto stimolanti. La riforma del Terzo settore ci pone di fronte a nuove sfide, che coglieremo con impegno sempre maggiore, anche grazie al personale del Csv, composto da professionisti qualificati”. 

© Copyright Redattore Sociale